quotidiano nazionale
23 mag 2022

Vaiolo delle scimmie nel Lazio, D'Amato: "15 contatti in isolamento"

Sono i "contatti" dei tre contagiati ai quali si è risaliti con il contact tracing. Dallo Spallanzani arriva la conferma del quarto caso ad Arezzo, il primo in Toscana

23 mag 2022

Roma, 23 maggio 2022 - Vaiolo delle scimmie nel Lazio, in isolamento i contatti stretti dei tre casi conclamati. "Finora i casi posti in isolamento nel Lazio sono 15 mentre i ricoverati allo Spallanzani rimangono 3 in buone condizioni cliniche  - dichiara l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato -. Dall'Istituto Spallanzani ho ricevuto la conferma di un quarto caso preso in carico ad Arezzo con un link di un viaggio alle Canarie. 

Leggi anche: Vaiolo delle scimmie: quanti sono i casi in Italia. Sintomi e contagio

Si tratta di persone vicine ai pazienti già ricoverati allo Spallanzani di Roma e in buone condizioni di salute. A loro si è risaliti grazie al contact tracing del Seresmi (Servizio regionale di sorveglianza delle malattie infettive). 
Ad ora i 15 soggetti non hanno manifestato sintomi o positività al virus, ma vengono controllati costantemente.

Contact tracing e mascherina come per il Covid

In sostanza l'isolamento nel caso di contatti stretti con contagiati da vaiolo delle scimmie funziona come per il Covid. Il contatto stretto, al quale si risale col tracing dal contagiato, deve restare in isolamento per 21 giorni e in questo lasso di tempo è costantemente monitorato da remoto per verificare tempestivamente l'insorgenza di sintomi. Ai soggetti in isolamento è consigliato anche l'uso della mascherina. In caso di sintomi viene subito disposto il ricovero. Dopo 21 giorni il soggetto è considerato non più a rischio. 

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?