Operazioni in pista
Operazioni in pista

Roma, 11 agosto 2021 – Scortano un blindato carico di vaccini e scoprono un giro di costosi cellulari rubati dalle carlinghe degli aerei. Il valore della merce fino ad oggi sottratta si aggira intorno ai 30 mila euro, a escogitare una filiera di furti e ricettazione è stato un operaio addetto allo scarico dei bagagli, insieme a tre ricettatori che “piazzavano” la merce in un noto negozio della zona Ostiense. È successo all'aeroporto di Ciampino, eroi per un giorno gli uomini della scorta di un noto corriere internazionale. Denunciate quattro persone, tra cui un addetto alle operazioni sottobordo sulla pista dell'aeroporto, accusato di aver rubato dalla carlinga di un aereo un carico di costosi cellulari di ultima generazione.

Nello scortare i furgoni per il trasporto dei vaccini Covid, che arrivavano tramite via aerea a Ciampino, la polizia ha scoperto un ingente traffico di merce hi-tech rubata, tra cui costosi cellulari di ultima generazione, per un valore complessivo di circa 30 mila euro. Quattro le persone denunciate per ricettazione, tra cui un 50enne, operaio specializzato nelle operazioni sottobordo, dipendente di una ditta operante esterna a Ciampino, e i ricettatori che rivendevano la merce ad un grande negozio di telefonia e computer di Roma, provvisoriamente chiuso per 5 giorni.

Le indagini

La polizia, dall'inizio dell'anno, ha provveduto a scortare i furgoni, facenti capo ad un noto corriere internazionale, che venivano utilizzati nel trasporto dei vaccini per la prevenzione del Covid-19, che sono arrivati dall'estero in grosse quantità, così da assicurare l'approvvigionamento di diverse regioni italiane. È stato proprio durante il servizio di prevenzione che sono emersi i primi elementi che hanno spinto gli investigatori della Polizia Doganale ad avviare una complessa attività di indagine, durante la quale è stato scoperto il traffico di merce rubata.

Le indagini sono scaturite anche a seguito di numerose denunce di furti, in particolare di telefoni cellulari. Così la squadra della polizia dell'aeroporto di Ciampino ha predisposto dei servizi investigativi mirati, per cercare di individuare gli autori dei furti, perpetrati a danno del corriere.

Il “modus operandi”

La sistematicità con cui spariva la merce ha indotto gli investigatori a controllare le procedure di scarico della merce dagli aeromobili. In particolare, l'operaio 50enne aveva ideato un sistema ingegnoso per evitare di essere scoperto. Mentre le operazioni di scarico si concentravano e si velocizzavano sui contenitori che trasportavano i preziosi vaccini anti-covid, l'altra merce veniva temporaneamente “parcheggiata” sottobordo l'aeromobile. Proprio in quel frangente, l'operaio con estrema destrezza prelevava i preziosi smartphone.

Nella rete degli investigatori sono finiti anche tre ricettatori: il primo acquistava "sottocosto" i prodotti dall'operaio, mentre gli altri due provvedevano a "sistemare" e ripulire gli oggetti rubati vendendoli direttamente a un noto store di telefonia e computer della zona di Ostiense. Recuperata al momento parte della merce rubata.