Il Movimento Disoccupati 7 novembre
Il Movimento Disoccupati 7 novembre

Roma, 21 maggio 2021 - Un sit-in indetto da Si Cobas a piazza Montecitorio, vicino alla Camera, a Roma, per discutere della vertenza del Movimento 7 novembre, FedEx e Tnt è sfociato in disordini. Secondo quando si apprende da fonti investigative, un carabiniere sarebbe stato ferito alla testa da alcuni manifestanti. La situazione è poi tornata alla normalità con il prosieguo della manifestazione.

Il carabiniere ferito

I momenti di tensione sarebbero iniziati quando i manifestanti, circa una cinquantina, hanno saputo che non avrebbero ottenuto l'incontro con il ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti. Secondo quanto si apprende da fonti di polizia, in gruppo si sarebbero spostati 'armati' di fumogeni in piazza Colonna e lungo via del Corso, davanti a Palazzo Chigi, al grido di "Giù le mani dai lavoratori". Qui sarebbero poi avvenuti i tafferugli con le forze dell’ordine.

Nel corso di una carica di alleggerimento dei carabinieri, uno dei militari sarebbe caduto. Una volta a terra alcuni manifestanti gli avrebbero tolto il casco e lo avrebbero colpito alla testa, forse con dei calci. Il carabiniere non è in gravi condizioni. Al momento, comunque, sono otto i manifestanti identificati dalle forze dell’ordine, compreso il presunto aggressore del militare, e le loro posizioni sono ora al vaglio.

Cobas: "Disinteresse del Governo"

"Stamattina siamo tornati per la terza volta a Roma assieme a delegazioni di lavoratori FedEx provenienti da tutta Italia per sollecitare ancora una volta il ministro dello Sviluppo Economico Giorgetti a convocare un tavolo istituzionale sulla vertenza che vede tuttora in sciopero migliaia di lavoratori a sostegno dei facchini anche questa volta i disoccupati 7 novembre di Napoli e una delegazione di giovani della Fgc", spiega il Si Cobas in una nota.

"Dopo oltre un'ora di presidio sotto Montecitorio abbiamo ancora una volta constatato il totale disinteresse di Giorgetti e del governo Draghi". Il sindacato, poi, aggiunge che "dopo pochi minuti i lavoratori sono stati prima spintonati e poi caricati a freddo da più di un centinaio di agenti in assetto antisommossa. Almeno sette manifestanti sono stati colpiti alla testa dalle manganellate della polizia: ne sono scaturiti scontri su via del Corso, con la polizia che ha letteralmente accerchiato lavoratori e disoccupati".

"Una ragazza è attualmente ricoverata all'ospedale - conclude la nota -. Prendiamo definitivamente atto di qual è la linea del Governo sulle vertenze e sulle lotte dei lavoratori: nessuna volontà di dialogo, ma solo manganellate e repressione". Infine, il Si Cobas avverte: "Ribadiamo ancora una volta che non ci lasceremo intimidire e terrorizzare dalla violenza dello Stato borghese. La lotta dei lavoratori FedEx proseguirà nei prossimi giorni e nelle prossime settimane con ancora maggior determinazione! Torneremo a Roma ancora più forti e compatti!".