Donna aggredita
Donna aggredita

Roma, 29 aprile 2021 - Ha preso a calci e pugni la compagna di 23 anni durante una lite, poi è uscito di casa, chiudendo a chiave il portone, sequestrandola di fatto all’interno della loro abitazione, in zona Torrevecchia, periferia di Roma. Il responsabile dei fatti, un uomo di 43 anni, senza precedenti è stato arrestato con l’accusa di di maltrattamenti in famiglia e sequestro di persona. 

La ragazza è riuscita ad affacciarsi alla finestra per chiedere aiuto gridando ai passanti. Uno di loro ha dato l’allarme al 112 e sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Stazione Roma Ottavia. I militari hanno rintracciato e bloccato il compagno, che in passato sarebbe stato responsabile di maltrattamenti nei confronti di una ex fidanzata.

Non trovava il coraggio di denunciare

La 23enne di Torrevecchia prima di essere portata in ospedale ha raccontato ai carabinieri che da circa 8 mesi il fidanzato manifestava scatti di rabbia anche durante le più banali discussioni. Nel corso dei raptus la picchiava, ma lei non aveva mai avuto il coraggio di denunciare. 

Il 43enne è stato arrestato e trattenuto in caserma, in attesa del trasferimento in carcere, dove rimarrà a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. La ragazza rimane ricoverata in ospedale con una prognosi iniziale di 30 giorni.