4 dic 2021

Omicidio Roma, 30enne ucciso da tre colpi di pistola: si indaga su regolamento di conti

Adrian Pascu, un 30enne rumeno con precedenti penali, è stato colpito dal killer mentre rientrava a casa. Qualche anno fa, raccontò la sua storia in tv: dall'arrivo in Italia a 13 anni al sogno di aprire una pizzeria

featured image
Polizia scientifica

Roma, 4 dicembre 2021 – Freddato da tre colpi di pistola, il 30enne Adrian Pascu è stato ucciso mentre entrava nell’ascensore del palazzo in cui abitava. L’omicidio è avvenuto alle prime ore del mattino nel quartiere Primavalle, ma il corpo è stato trovato solo qualche ora più tardi quando il postino è entrato nell’androne del condominio di via Francesco Maria Greco.

Sono almeno tre i colpi di pistola esplosi, tanti quanti i bossoli trovati accanto al corpo senza vita della vittima, un romeno con precedenti alle spalle per furto, ricettazione e stupefacenti. I proiettili lo hanno raggiunto al fianco e all’addome, senza lasciargli scampo. Intorno alle 8.30 di oggi, il postino ha notato la porta dell'ascensore aperta e avrebbe avvertito un lamento. Inutili i soccorsi per il 30enne. Ora sono in corso indagini della polizia per risalire a chi ha premuto il grilletto. I pm di Roma procedono per omicidio.

La scena del crimine

Per terra, accanto al corpo, sono stati trovati tre bossoli sul pavimento. Da una prima ricostruzione, Pascu stava entrando in ascensore per rientrare a casa quando si è imbattuto nel killer. Probabilmente chi ha sparato lo attendeva già nel palazzo e conosceva i suoi orari. Ha aspettato che aprisse la porta dell'ascensore per sparare. All'interno della cabina dell'elevatore sono stati trovati i segni dei proiettili. Si ipotizza che sia stato centrato da tre colpi, ma sarà l'autopsia a stabilirlo con certezza.

La polizia scientifica ha effettuato a lungo i rilievi per isolare tracce utili per far luce sulla vicenda. Al vaglio le telecamere di videosorveglianza della zona. E gli investigatori sono ora al lavoro per individuare l'autore dell'omicidio che sembra essere un'esecuzione in piena regola. Non si esclude che l'agguato sia avvenuto diversi minuti prima del ritrovamento, addirittura intorno alle 6.30. Forse il killer ha utilizzato un silenziatore e così l'allarme è scattato solo quando il postino è arrivato nello stabile.

I poliziotti in queste ore stanno ascoltando conoscenti, amici del giovane e altri condomini del palazzo per poter acquisire elementi utili alle indagini. Si scava nella vita del trentenne per chiarire se recentemente abbia avuto problemi con qualcuno e ricostruire come abbia trascorso le ultime ore di vita.

La vittima: chi è Adrian Pascu

Qualche anno fa, Adrian Pascu raccontò, ospite di una puntata della trasmissione “Siamo noi” di Tv2000, la sua vita. Una lunga testimonianza del suo arrivo in Italia a 13 anni, in compagnia di alcuni amici, sperando in una vita migliore. Poi l'esperienza del carcere, dopo aver commesso alcuni furti, il lavoro da pizzaiolo e il sogno nel cassetto di aprire un'attività sua. Al momento gli investigatori non escludono alcuna pista dietro l'omicidio compresa quella di un regolamento di conti.

Cosa è successo oggi

È Adrian Pascu il nome del 30enne rumeno ucciso da tre colpi di pistola a Primavalle, la procura di Roma ha aperto un fascicolo per omicidio. Bocche cucite tra gli inquirenti, che in queste ore stanno passando al setaccio la vita della vittima, un uomo con diversi precedenti penali. Il pm di turno ha affidato gli accertamenti ai poliziotti della squadra mobile che conducono le indagini, per fare luce sull'accaduto.

È stato ucciso a colpi di pistola il 30enne trovato senza vita nell'androne di un palazzo in via Francesco Maria Greco, nella periferia romana di Primavalle. Il corpo era riverso per terra in una pozza di sangue, vicino al vano ascensore, come se stesse entrando per cercare di mettersi in salvo. Si tratta di un uomo rumeno con diversi precedenti penali, colpito al fianco e all'addome con tre colpi di pistola.

A chiamare il 112 è stato un postino, che lo ha trovato intorno alle 8.30 di oggi. A indagare sul caso i poliziotti della Squadra Mobile e i carabinieri. Sul pavimento sono stati ritrovati i tre bossoli esplosi dall’arma che lo ha ucciso.

Roma città rovente: i precedenti

Approfondisci:

Sparatoria a Tor Bella Monaca, proiettili esplosi da un'auto in corsa: gravi due 22enni

Approfondisci:

Roma, sparatoria in periferia: bossoli in via Montecucco, si pensa ad un agguato

Approfondisci:

Roma, 60enne trovato esanime in un affittacamere: fermato il coinquilino

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?