Giovedì 18 Luglio 2024

Caso Hasib Omerovic, arrestato un poliziotto. "Ci fu tortura. Atti di violenza gratuiti"

Il 36enne era precipitato il 25 luglio scorso dalla sua abitazione nel corso di una perquisizione delle forze dell'ordine. Avvisi di garanzia anche per altri quattro agenti, indagati per falso ideologico commesso da pubblico ufficiale in atti pubblici e depistaggio

Il caso di Hasib Omerovic presentato alla Camera dei Deputati

Il caso di Hasib Omerovic presentato alla Camera dei Deputati

Roma, 21 dicembre 2022 - Si chiama Andrea Pellegrini il poliziotto del commissariato di Primavalle, a Roma, posto agli arresti domiciliari con l'accusa di tortura in relazione alla vicenda di Hasib Omerovic, il 36enne precipitato il 25 luglio scorso dalla sua abitazione nel corso di una perquisizione delle forze dell'ordine. Nei confronti dell'agente la Procura contesta anche il reato di falso ideologico commesso da pubblico ufficiale in atti pubblici.

Secondo gli atti d'indagine della Procura di Roma, l'agente Pellegrini ha legato Omerovic a una sedia utilizzando un filo elettrico strappato dal muro. Lo ha preso a schiaffi e con un coltello lo ha minacciato terrorizzandolo al punto tale che saltare dalla finestra è sembrato ad Omerovic, l'unica scelta per trovare la via di fuga. Per il poliziotto anche l'accusa anche di avere scritto il falso, in concorso con altri, nella nota di servizio sull'attività svolta. Nei confronti di quattro agenti, finiti nel registro degli indagati e oggi perquisiti, anche l'accusa di depistaggio. Una indagine svolta dagli uomini della Squadra Mobile della Polizia di Stato con tempestività.

La perquisizione del luglio scorso era stata attuata dopo che su alcuni profili Facebook erano comparsi alcuni post in cui si accusava Omerovic di avere molestato alcune ragazze del quartiere. Una ispezione, compiuta da almeno quattro agenti, che si è però trasformata in tutt'altro con una aggressione sia fisica che psicologica che ha portato il 30enne, affetto da sordomutismo, a lanciarsi dalla finestra. Per quel drammatico volo Hasib è tutt'ora ricoverato.

Negli atti la ricostruzione dell'aggressione

L'indagine della Procura di Roma, coordinata dall'aggiunto Michele Prestipino, ha ricostruito quanto avvenuto quel pomeriggio di luglio in uno dei quartieri popolari dell'area ovest della Capitale. L'agente è entrato "all'interno dell'abitazione, immediatamente e senza alcun apparente motivo" ha colpito Omerovic "con due schiaffi nella zona compresa tra il collo e il viso, contestualmente rivolgendo al suo indirizzo, con fare decisamente alterato, la seguente frase: 'non ti azzardare mai più a fare quelle cose, a scattare foto a quella ragazzina'" e dopo avere impugnato "un coltello da cucina e lo brandiva all'indirizzo" dell'uomo. Pellegrini ha poi sfondato la porta della stanza da letto di Omerovic, sebbene quest'ultimo "si fosse prontamente attivato per consegnare le chiavi". Una volta dentro la stanza ha costretto il 38enne a sedere su una sedia e dopo avere strappato un filo della corrente del ventilatore "lo utilizzava per legare i polsi di Omerovic brandendo" ancora una volta "all'indirizzo dell'uomo il coltello da cucina, minacciandolo, urlando al suo indirizzo la seguente frase 'se lo rifai, te lo ficco nel c…'" e "lo colpiva nuovamente con uno schiaffo e continuava ad urlare nei suoi confronti, dicendogli ripetutamente 'non lo fare più'".

Per il gip "gli accadimenti sono indubbiamente di entità grave, commessi in spregio della funzione pubblica svolta, nonché violando fondamentali regole di rispetto della dignità umana. I ripetuti atti di violenza e minaccia appaiono del tutto gratuiti. Pellegrini - aggiunge il gip - non ha avuto alcuna remora di fronte ad un ragazzo sordomuto e una ragazza con disabilità cognitiva (la sorella di Omerovic) compiendo ripetuti atti violenti, sia sulle persone che sulle cose e gravemente minatori, così da denotare pervicacia e incapacità di autocontrollo".

Nell'ordinanza il giudice scrive, inoltre, che "seppur l'intervento presso l'abitazione di via Gerolamo Aleandro possa ritenersi (inizialmente) legittimo, in quanto finalizzato, in un'ottica preventiva da parte degli agenti di polizia, all'attività di identificazione di Omerovic, sebbene solo per via di alcune notizie apparse su Facebook che lo davano come 'molestatore' di ragazze del quartiere, questa attività è stata svolta con modalità del tutto anomale, e, quantomeno da un certo momento in poi, strumentalizzata con conseguente violazione dei doveri e abuso e travalicamento della funzione in particolare da parte dell'assistente capo Pellegrini". Il giudice lo definisce come un intervento "punitivo" perché "l'attività di identificazione è divenuta semplicemente un pretesto e che integrano, almeno nella valutazione di questa sede, il delitto di tortura".

Violenze e minacce "compiute in danno di una persona inerme attraverso un'irruenza minatoria ben visibile ad Hasib, evidentemente anche mimica, in occasione di un'identificazione che, sotto il profilo delle modalità esecutive, appare anomala e ha assunto essa stessa, nella dinamica, caratteri 'autoritari' e, al contempo, mortificanti per la persona, come desumibile dalla esposizione dei documenti in bella mostra e in perfetto ordine sul tavolo del salone dell'abitazione dell'individuo da identificare".