Controlli a Stazione Termini
Controlli a Stazione Termini

Roma, 25 luglio 2021 – Operazione antidegrado questa mattina alla stazione Termini, una task force dei Carabinieri della Compagnia Roma Centro ha avviato una capillare attività di prevenzione e di repressione di fenomeni di illegalità e di degrado nell'area della stazione ferroviaria Termini. Le attività dei militari hanno interessato anche le vicine piazza dei Cinquecento e piazza Indipendenza. Il bilancio dell'operazione è di 2 persone arrestate, due denunciate a piede libero, altre 8 sanzionate. Sono state identificate complessivamente oltre 200 persone.

Nello specifico, i Carabinieri hanno fatto scattare le manette ai polsi di una 24enne di origini slave, nella Capitale senza fissa dimora e gravata da un ordine di esecuzione pena per numerosi reati contro il patrimonio. Nei suoi confronti il Tribunale di Roma ha comminato una pena di 6 anni, 11 mesi e 17 giorni di reclusione. Stessa sorte per una bosniaca di 32 anni, nella Capitale senza fissa dimora, la donna deve scontare una pena di 10 mesi e 6 giorni di reclusione sempre per pregressi reati contro il patrimonio. 

I controlli in piazza dei Cinquecento, invece, hanno consentito di rintracciare e denunciare per furto un romano di 57 anni, con precedenti. L'uomo, lo scorso 19 luglio, era riuscito a rubare una tv 32 pollici da un hotel di via Castelfidardo, immortalato dalle telecamere di sorveglianza. I carabinieri lo hanno trovato con numerosi arnesi per lo scasso, motivo per cui, nei suoi confronti, è scattata anche la denuncia per possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli. Nel corso delle verifiche all'interno della stazione ferroviaria è stata denunciata una romena di 20 anni proveniente da Orte e già conosciuta alle forze dell'ordine che stava tentando di vendere a un viaggiatore in transito un biglietto ferroviario regionale, già utilizzato, spacciandolo ancora per valido. Dovrà rispondere di truffa. Altre 3 ragazze tra i 18 e i 30 anni, tutte slave, con precedenti e senza fissa dimora nella Capitale, sono state sanzionate per atteggiamenti molesti nei confronti di alcuni viaggiatori. Oltre alla sanzione, nei loro confronti è stato disposto l'ordine di allontanamento dallo scalo per 48 ore.

Tre sanzioni sono state elevate nei confronti di due somali di 22 e 23 anni: sorpresi in atteggiamenti contrari al decoro, sdraiati sulle panchine a torso nudo e utilizzando le fontane pubbliche per l'igiene personale. Due uomini del Togo e uno argentino, invece, sono stati controllati in piazza Indipendenza: i tre, già ubriachi, hanno continuato a bere anche durante il controllo, motivo per cui sono scattate le sanzioni per ubriachezza previste dall'Articolo 688 del Codice Penale. Grazie alla collaborazione del personale dell'Ama, sono stati rimossi rifugi di fortuna, masserizie varie, bivacchi e sporcizia dall'area verde di piazza Indipendenza, impedendo, di fatto, il sorgere di una tendopoli.