Bologna, la piazza delle sardine contro Salvini (Fotoschicchi)
Bologna, la piazza delle sardine contro Salvini (Fotoschicchi)

Roma, 17 novembre 2019 - "La piazza delle ’sardine’ è la prova del fatto che esiste un’esigenza di mobilitazione tra i cittadini che i partiti di sinistra non riescono a soddisfare". Massimiliano Panarari, consulente di comunicazione politica e professore alla Luiss di Roma, commenta l’imponente flash mob che giovedì sera ha occupato pacificamente piazza Maggiore a Bologna, in chiave anti-Salvini. 

Professor Panarari, qualcuno fa già paragoni coi girotondi del 2002 e la piazza delle ’madamine’ pro-Tav. Come nascono questi fenomeni?

"I girotondi nacquero dichiarando la sfiducia nel centrosinistra istituzionale, e questa è una differenza con le ’sardine’. Vedo invece una similitudine con i ’Sì Tav’ di Torino: un’autoconvocazione della società civile, che avviene prima attraverso un network fisico, di relazioni amicali, e prende poi forza con un effetto-valanga tramite il web". 

Colpa della crisi della politica?

"Partiti e corpi intermedi, compresi i sindacati, storicamente hanno svolto una funzione di rappresentanza offrendo ’pacchetti completi’, dalla visione del mondo alle singoli questioni, con un forte radicamento sul territorio, con sezioni e circoli. La rappresentanza era totale, era un’adesione ’chiavi in mano’".

Oggi invece non è più così. 

"No, l’evento di Bologna è catalogato come un ’single issue’, ovvero una manifestazione legata a una specifica tematica controversa. A Torino il movimento delle ‘madamine’ è una parte di società civile che sente inascoltata dai partiti tradizionali la domanda di modernizzazione del Paese; nel caso di Bologna la mobilitazione è stata contro Salvini".

Nel 1948, dopo la sconfitta del Pci, Pietro Nenni osservò: "Piazze piene, urne vuote". Guardando alle elezioni in Emilia-Romagna, i voti delle ’sardine’ sono consensi per il Pd o no?

"Questo è un tema gigantesco per il Pd e il centrosinistra, ma anche per quell’associazionismo che era stato molto forte in questa regione e che non ha una dimensione politica. Di sicuro, quella di Bologna è una platea che non vota Lega. Però l’autoconvocazione sottende anche una richiesta di cambiamento e una critica, in questo caso al centrosinistra, che evidentemente non è in grado di rappresentarla pienamente". 

Quindi questi consensi dove andranno?

"Possono trasformarsi in voti, turandosi il naso. Però attenzione: la crisi della rappresentanza chiede risposte più sofisticate, pensare che basti agitare il ’pericolo’ della vittoria dell’avversario – come è stato in passato l’antiberlusconismo - non basta più". 

A Bologna, quattro ragazzi mobilitano le folle, e il Pd si chiude tre giorni in conclave. Solo coincidenze?

"L’accostamento colpisce, da un lato il Pd esprime gioia per la piazza, ma fatica a costruire momenti simili. L’errore più grave sarebbe quello di metterci il cappello, dalla tre giorni bolognese deve uscire un progetto che sia in grado di parlare agli scontenti. C’è uno spazio che si apre per coloro che dovrebbero dare strumenti di rappresentanza a sinistra: può essere l’ennesima occasione persa nel capo progressista o una spinta positiva. Vedremo".

  • Codice Sconto Euronics

    Richiedi fino a 50€ di bonus TV con il codice sconto Euronics
  • Coupon Unieuro

    10€ buono Unieuro da applicare su tutto
  • Aliexpress Coupon

    Approfitta per risparmiare scegliendo i prodotti con Codice Promozionale Aliexpress nel Centro Coupon