Matteo Renzi con Maria Elena Boschi (Ansa)
Matteo Renzi con Maria Elena Boschi (Ansa)

Roma, 15 settembre 2019 - C'è la data: il 20 ottobre, decima edizione della Leopolda. C’è, ovviamente, il luogo: Firenze, da dove tutto è partito. E c’è pure il progetto politico: una forza politica "nuova", di impianto "liberal-democratico", "riformista e riformatrice". C’è anche un’ossatura, piccola, ma di tutto rispetto. I comitati civici ‘Azione civile-Ritorno al Futuro’ sono un migliaio, sono sparsi in tutt’Italia, hanno circa 10 mila aderenti e due coordinatori di polso: Ettore Rosato, vicepresidente della Camera, e Ivan Scalfarotto, sottosegretario agli Esteri.

Manca solo un casus belli, ma, per il resto, Matteo Renzi ha deciso: alea iacta est , il dado è tratto. La scissione («lo scisma» come lo chiama Zingaretti) dal Pd sta per diventare realtà e con tempi assai ravvicinati. Ma – assicura Ettore Rosato usando le parole di Renzi – "qualsiasi cosa accada, noi garantiamo i numeri al governo. Se ce ne andiamo, vogliamo stabilizzare e, anzi, allargare, la maggioranza, non certo restringerla". Mah, sarà. Anche perché ben due ministre due – la Bonetti, appunto, alle Pari opportunità e Famiglia, e la Bellanova, Agricoltura – "stanno con noi e andrebbero via con noi dal Pd" dicono, sicuri del fatto loro, i renziani. Insomma, conseguenze ce ne saranno.

Vero è che, anche nel Pd di Zingaretti, invece di fare fuoco e fiamme, sembrano tirare un sospiro di sollievo all’idea. L’ideologo del segretario, Goffredo Bettini, spiega: "Se Renzi e un’area liberal-moderata decidessero di tentare un movimento autonomo, non griderei allo scandalo. Essenziale è allearsi nel centrosinistra per battere Salvini".

Al Nazareno il mood è identico: "Prima se ne vanno, meglio è, così potremo davvero rivoluzionare e aprire il Pd" (a LeU, di fatto). Qui, però, si deve entrare negli interna corporis della galassia renziana che è composta da due i tronconi: i pasdaran di ‘Sempre Avanti!’ (area di Giachetti e della neo viceministra Ascani), una decina di deputati e tre senatori, e i renziani moderati di ‘Base riformista’, l’area di Lotti-Guerini (quest’ultimo oggi ministro), circa venti senatori e 50 deputati. Se Renzi, formando i gruppi, vuole sfondare, deve farlo qui dentro in una guerra al coltello tra renziani.

I malumori degli esclusi dal sottogoverno (De Filippo, De Luca) non mancano, ma il grosso delle truppe resterà dov’è. Andranno via, oltre alla Boschi, Romano e Migliore, Rosato e Scalfarotto, Ascani e Nobili ecc. Basteranno per arrivare alla cifra di 20 deputati che serve per costituire un gruppo autonomo? Probabile, ma grazie ad alcuni innesti extra (Lorenzin e altri). Al Senato però è tutto più complicato. Quelli pronti a tutto sono cinque (Faraone, Bonifazi, Bellanova, Ginetti, Cerno) e dovranno traslocare nel Misto. Dove, ma solo grazie all’innesto di quattro/cinque senatori in uscita da FI e capitanati dal toscano Mallegni, si proverà il colpaccio: votare la sfiducia all’attuale capogruppo, De Petris (LeU), ed eleggersene uno in proprio, per contare den tro le Camere.

Mentre al governo il neo partito avrebbe due ministre, un viceministro e un sottosegretario. Il Conte bis, oltre a Pd-M5S-LeU, avrebbe così una quarta gamba Renzi.