27 lug 2020

Il pasticcio delle trasferte a Firenze. Solo in tre restituiscono la quota

I grillini gli unici a devolvere il denaro alla sanità regionale. Il problema sollevato già a marzo. Gli altri partiti promettono: ridaremo i soldi in più. E il presidente dell’assemblea: ora regole precise

luigi caroppo
Politica
I controlli davanti al Duomo di Firenze subito dopo la fine del lockdown
I controlli davanti al Duomo di Firenze subito dopo la fine del lockdown
I controlli davanti al Duomo di Firenze subito dopo la fine del lockdown

Firenze, 27 luglio 2020 - Beccati con le mani nella marmellata, ora tutti, o quasi, si dicono pronti a fare una maxi colletta da devolvere in beneficenza. Ammettono che sul bonus forfettario per le trasferte non effettuate si può discutere, ma guai a parlare di casta che gode di privilegi, specialmente in un periodo di crisi post Covid 19, "perché la legge regionale è dalla loro parte". In pochissimi si sono posti la questione durante la sospensione dei lavori in aula del Consiglio regionale toscano, dal 26 febbraio al 14 maggio. Lo stipendio per i 41 consiglieri toscani è corso come prima del lockdown anche se non si sono spostati da casa. Come è stato anche ribadito da una delibera dell’Ufficio di presidenza riguardante le sedute ’da remoto’ che il 25 marzo nell’allegato A confermava, seppur in burocratese, che il rimborso spese per i trasferimenti era sempre e comunque garantito. Solo i tre consiglieri del Movimento 5 Stelle, Irene Galletti (attuale candidata alla presidenza della Regione Toscana), Giacomo Giannarelli e Andrea Quartini hanno preso carta e penna e hanno devoluto la loro quota di bonus alla sanità regionale, in particolare a Estar, centrale acquisti della Regione che ha comprato durante l’emergenza coronavirus mascherine, ventilatori, camici e guanti. Proprio loro tre il 20 marzo avevano sollevato il problema morale e di portafoglio chiedendo l’attivazione di un conto corrente al governatore toscano Enrico Rossi, operazione poi fatta, e la mobilitazione di tutti i colleghi dei partiti presenti in consiglio regionale. In totale per due mesi e mezzo di assenza forzata da Palazzo Panciatichi a Firenze sono stati erogati circa 80 mila euro di rimborsi forfettari per trasferte, quale quota variabile dello stipendio da consigliere regionale (il bonus varia in base al luogo di residenza e scatta sopra i 20 chilometri di distanza). ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?