Roma, 18 ottobre 2020 - Carlo Calenda rompe gli indugi e dichiara: "Mi candiderò a sindaco di Roma: un dovere e una grande avventura". L'annuncio in diretta da Fabio Fazio a "Che tempo che fa" su Rai 3. 
E il leader di Azione aggiunge: "Non posso parlare per il Pd, partecipo a un tavolo. Auspico un appoggio largo e cercherò in tutti i modi possibili di mettere insieme una squadra molto larga".

Quanto alle primarie, Calenda spiega: "Fare le primarie oggi sarebbe complicato, farle più avanti significherebbe parlarci addosso per mesi".E aggiunge: "E poi alle primarie sono stati sconfitti Sassoli e Gentiloni, vinse Marino che poi il Pd rimosse".

Sul suo orientamento politico, a domanda risponde: "Io di destra o sinistra? Sono un socialdemocratico liberale". Il programma? "Penso che chi ha la possibilità di riportare Roma tra le grandi Capitale europee abbia il dovere di farlo. Sarà una grande avventura", spiega.