12 apr 2022

Omicidio Giovanni Guarino al luna park, due fermi: domani gli interrogatori di garanzia 

Il padre della vittima: "È sceso alle 22:10 e alle 22:25 ci hanno chiamati per dirci che era morto". Don Mimmo Battaglia ai funerali 

Un post tratto dal profilo Tik tok di Giovanni Guarino
Un post tratto dal profilo Tik tok di Giovanni Guarino

Torre del Grego, 12 aprile 2022 - Si svolgeranno domani mattina 13 aprile gli interrogatori di garanzia dei due giovani fermati ieri sera e accusati dell'omicidio di Giovanni Guarino, il ragazzo di 19 anni ucciso con una coltellata al cuore nel quartiere Leopardi di Torre del Greco (Napoli), e del ferimento dell'amico e coetaneo della vittima, attualmente ricoverato all'ospedale Maresca. 
I due fermati, ritenuti imparentati con elementi vicini alla criminalità organizzata di Torre Annunziata, sono attualmente rinchiusi nel centro di prima accoglienza dei Colli Aminei di Napoli. Ieri, prima della convalida del fermo, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. 

Colpito con diverse coltellate

È stata l'analisi delle immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza presenti in zona e l'ascolto di alcuni testimoni presenti sul luogo del delitto a consentire l'identificazione dei due presunti autori dell'omicidio di Giovanni 
Guarino. Secondo la procura i due giovani minorenni, al termine di una lite avvenuta per futili motivi, avrebbero inferto numerose coltellate al 19enne, quasi immediatamente deceduto, e ferito gravemente l'altro giovane tuttora ricoverato in prognosi riservata. Il quadro indiziario sarà sottoposto al Gip del tribunale per i minorenni di Napoli, al quale spetta la convalida del provvedimento. 

Don Giosuè: Dietro questi ragazzi cultura violenta impensabile

"La madre si è stretta a me. Ha pianto. Era giusto che la lasciassi sfogare. Il padre invece era pietrificato nel suo dolore. Mi ha detto: 'Com'è possibile? È sceso alle 22:10 e alle 22:25 ci hanno chiamati per comunicarci quanto era accaduto". A parlare è don Giosuè Lombardo, parroco della basilica di Santa Croce, la chiesa - come racconta lo stesso prete - all'esterno della quale Giovanni Guarino e Nunzio A., il ragazzo ucciso a coltellate e il suo amico e coetaneo ferito gravemente domenica sera nel quartiere Leopardi di Torre del Greco (Napoli), erano abituati a "stazionare con il solito gruppetto di amici". 

Don Giosuè, assieme al sindaco Giovanni Palomba, quest'oggi è andato a trovare i genitori dei due ragazzi rimasti vittime della rissa costata la vita a Giovanni Guarino, ucciso con una coltellata al cuore: "Hanno gradito la nostra vicinanza - prosegue il parroco di Santa Croce - e sicuramente ci tornerò anche nei prossimi giorni. Ma in questi casi le parole dicono poco. Ora bisogna pensare al 'dopo', ai giorni che verranno. Quando ci sono le grandi folle, nei momenti di intenso dolore, chiedo di non salutare i parenti, invitando a mostrare vicinanza dal giorno successivo, da quando cioè si spegneranno i riflettori". 

Don Giosuè Lombardo ha anche sentito l'arcivescovo di Napoli, monsignor Domenico Battaglia: "Che mi ha fatto sapere come, nei limiti dei suoi impegni, è disposto a venire a Torre del Greco quando si celebreranno le esequie. Sarà importante sentire una parola autorevole su questa violenza e su queste difficoltà che stiamo vivendo". 
Poi un pensiero va ad una vicenda che ha riacceso l'attenzione sul tema del disagio giovanile: "Fa riflettere - ammette - che degli adolescenti escano di casa portando con sé dei coltelli. Dietro tutto questo, anche da ciò che sta emergendo, c'è una cultura, un modo di vedere la vita che va al di là di ogni analisi che noi possiamo fare, di contesti che noi possiamo immaginare. Dietro questi ragazzi c'è una cultura violenta. Guai però a generalizzare, a fare di tutta l'erba un fascio. I nostri ragazzi (si riferisce a Giovanni e Nunzio, ndr), il gruppo di cui fanno parte questi giovani e che staziona spesso fuori alla parrocchia, non girano armati".
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?