Espositori alla Borsa Mediterranea del Turismo
Espositori alla Borsa Mediterranea del Turismo

Napoli, 17 giugno 2021 – Mancano ormai poche ore al via della Borsa Mediterranea del Turismo, la manifestazione dedicata al comparto turistico che vedrà circa 300 espositori e operatori del settore incontrarsi alla Mostra d’Oltremare. Da domani tour operator, enti, camere di commercio e consorzi, compagnie da crociera, catene alberghiere, compagnie aeree e società di servizi saranno protagonisti di un evento che mirerà a risollevare il turismo in Italia e non solo, nel tentativo di risolvere i problemi causati dalla pandemia da Covid-19.

Napoli rilancia il turismo

Particolarmente simbolica la scelta di Napoli come sede della kermesse: la città partenopea e la Campania rappresentano infatti un’eccellenza in termini di turismo in sicurezza, con le isole di Capri e Ischia prese d’assalto dai turisti, la Costiera Amalfitana tra le mete preferite a livello europeo, e l’isola di Procida che sarà Capitale Italiana della Cultura 2022.

"La sicurezza sanitaria delle destinazioni turistiche campane è stata il grande obiettivo 2021 del presidente De Luca. Non solo si è realizzata in tempi brevi nonostante il periodo non facile, ma ha rappresentato un modello a livello internazionale di cui ha beneficiato tutta la Campania", ha sottolineato l'assessore al Turismo della Regione Campania, Felice Casucci.

Un evento internazionale

Fino al 20 giugno, quindi, incontri e conferenze con protagonisti esponenti del turismo nazionale ed internazionale: 120 buyers da tutto il mondo incontreranno gli operatori italiani nei quattro workshop tematici organizzati nel corso dei tre giorni di lavori. In particolare, sabato 19 alle 11 l'evento "La Campania riparte. Modelli di turismo a confronto", vedrà la Regione Campania protagonista di nuovi progetti e iniziative legati al turismo.  

Taglio del nastro venerdì 18 giugno alle 11 alla presenza del ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, e del presidente dell'ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo, Giorgio Palmucci.