Catello Maresca
Catello Maresca

Napoli, 14 Giugno 2021 – Il candidato sindaco di Napoli, il pm anticamorra Catello Maresca, ha concesso un’intervista ‘sui generis’ su YouTube, ospite del canale di Klaus Davi per il talk ‘Klaus Condicio’. I temi della chiacchierata hanno riguardato principalmente la sua idea per il futuro della città, ma anche maggiori chiarimenti sul suo inclinamento politico non ben inquadrato a livello di alleanze. La sua lista civica infatti, finora, non è stata ancora supportata da nessun partito.

Sto dialogando sia con forze del centrodestra che con persone moderate del centrosinistra - ha dichiarato Maresca -. Credo che le risorse siano equilibrate. In questo momento l'ideologia principale è quella di risolvere i problemi delle persone per migliorare la qualità della loro vita. Sto girando tutta la città palmo a palmo. Particolare attenzione la dedico a quelle zone ritratte da certi film e fiction come quartieri del malaffare. Trovo invece un'infinità di persone perbene”.

Servirebbe Berlusconi in prima linea”

A Maresca è stato chiesto anche un parere su Silvio Berlusconi, leader e fondatore di Forza Italia: “Mi ha chiamato qualche volta - ha detto -. Di recente meno per i suoi problemi di salute e ovviamente gli faccio tutti i miei auguri. È un grande imprenditore e credo che il Paese abbia ancora bisogno di una persona come lui in prima linea”.

Altro tema dell’intervista è stato il buco di bilancio del Comune di Napoli: “Siamo arrivati a cifre 'monstre' di 4,2 miliardi di euro di debito. C'è una squadra di esperti che lo sta studiando e sta cercando di capire come, quando e per colpa di chi, per quali scelte sbagliate si è formato. Non tanto per incolpare qualcuno, non ci interessa, ma per evitare di ripetere gli errori in un'ottica proiettata nel futuro. Si dovrà cominciare a ragionare su questo per garantire un futuro a questa città”.

De Magistris: “Maresca di civico non ha nulla”

L’attuale sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, non ha digerito le dichiarazioni di Maresca. In particolare quella su Berlusconi: “Sentire il candidato a sindaco di Napoli, noto alle cronache come pm anticamorra, mentre dice che il Paese ha bisogno di Berlusconi credo convinca una volta per tutte che di civico questo magistrato in aspettativa e candidato non ha davvero nulla. Non ha bisogno nemmeno di mettersi la maschera”, ha affermato.

Clemente: “Sbalordita dall’elogio”

In una nota diffusa in serata anche Alessandra Clemente, candidata sindaca di Napoli, ha commentato la dichiarazione di Maresca: “Quello che appare da queste prime settimane di campagna elettorale è che Catello Maresca viva il conflitto fra essere profondamente di destra e avere vergogna di ammetterlo. Elogiare Berlusconi, poi, che in Campania ha avuto tra le sue fila uomini indagati per affari di camorra e corruzione mi lascia sbalordita ed è la ciliegina sulla torta. Altro che progetto civico questo è un pasticcio civico, ma a Napoli per fortuna siamo svegli”.

Rincarata poi la dose anche a proposito del debito del Comune: “Berlusconi – ha proseguito Clemente - ebbe anche un ruolo cruciale nello scandalo dei rifiuti che ha umiliato per mesi questa città in tutta Italia e nel mondo. É bene ricordare che è a causa di quel commissariamento nazionale e di quella gestione del governo Berlusconi, che oggi i napoletani sono costretti a pagare un debito generato da una cattiva gestione nazionale dell'emergenza rifiuti”.