Caldo record gennaio 2024, i dati choc di Copernicus: “Il primo mese dell’anno più caldo di sempre”

Il servizio sul cambiamento climatico dell’Esa ha rilevato una temperatura media di 13,14 gradi centigradi, circa 0,70 gradi più alta di quella del periodo 1991-2020

Caldo anomalo: nuovo record a gennaio, le rilevazioni di Copernicus

Caldo anomalo: nuovo record a gennaio, le rilevazioni di Copernicus

Roma, 8 febbraio 2024 – Gennaio 2024 è stato il gennaio più caldo mai registrato a livello globale, con una temperatura media di 13,14 gradi centigradi, circa 0,70 gradi più alta di quella del periodo 1991-2020: lo ha appena comunicato il Servizio sul cambiamento climatico Copernicus.

Approfondisci:

Nebbia e smog, ma quanto durano? Il meteorologo: tregua in arrivo in Pianura padana

Nebbia e smog, ma quanto durano? Il meteorologo: tregua in arrivo in Pianura padana
Approfondisci:

Zero termico previsto sui 4mila metri per caldo anomalo, Mercalli: “A gennaio come d’estate”

Zero termico previsto sui 4mila metri per caldo anomalo, Mercalli: “A gennaio come d’estate”
Caldo anomalo: nuovo record a gennaio, le rilevazioni di Copernicus
Caldo anomalo: nuovo record a gennaio, le rilevazioni di Copernicus

Nello studio si ricorda che il precedente gennaio più caldo era stato quello del 2020, “superato” ora di 0,12 gradi centigradi. Secondo Copernicus, quello scorso è stato l’ottavo mese di fila più caldo mai registrato. Rispetto alla media del periodo preindustriale, compreso tra il 1850 e il 1900, il gennaio 2024 è stato più caldo di 1,66 gradi.

Tutti i risultati riportati da Copernicus sono basati su analisi generate al computer e secondo il set di dati della rianalisi Era5, che utilizza miliardi di misurazioni provenienti da satelliti, navi, aerei e stazioni meteorologiche di tutto il mondo.

Gennaio 2024, caldo record: tutti i dati

Si tratta - spiega C3S - dell’ottavo mese di fila più caldo mai registrato per il rispettivo mese dell’anno. L’anomalia della temperatura globale per gennaio 2024 è stata inferiore a quella degli ultimi sei mesi del 2023, ma superiore a qualsiasi altro prima di luglio. Il mese è stato più caldo di 1.66°C rispetto alla stima della media di gennaio per il periodo compreso tra il 1850 e il 1900, il periodo di riferimento preindustriale.

La temperatura media globale degli ultimi dodici mesi (febbraio 2023 - gennaio 2024) è la più alta mai registrata, con 0.64°C al di sopra della media del periodo compreso tra il 1991 e il 2020 e 1.52°C al di sopra della media preindustriale tra il 1850 e il 1900.

Gennaio 2024, le temperature nel mondo

Nel gennaio 2024, le temperature europee sono variate da molto al di sotto della media in riferimento al periodo compreso tra il 1991 e il 2020 nei Paesi nordici a molto al di sopra della media nel sud del continente. Al di fuori dell’Europa, le temperature sono state nettamente superiori alla media nel Canada orientale, nell’Africa nord-occidentale, nel Medio Oriente e nell’Asia centrale, e inferiori alla media nel Canada occidentale, negli Stati Uniti centrali e nella maggior parte della Siberia orientale. 

Approfondisci:

Allarme per i virus zombie liberati nell’Artico. Gli scienziati: ecco quali sono i rischi per l’uomo

Allarme per i virus zombie liberati nell’Artico. Gli scienziati: ecco quali sono i rischi per l’uomo

I dati del ghiaccio marino

C3S analizza anche i dati relativi al ghiaccio marino: l’estensione del ghiaccio marino artico ha raggiunto un valore vicino alla media e il più alto per il mese di gennaio dal 2009. Le concentrazioni di ghiaccio marino sono state superiori alla media nel Mare di Groenlandia (una caratteristica persistente da ottobre) e nel Mare di Okhotsk, mentre nel Mare del Labrador hanno prevalso concentrazioni inferiori alla media. L’estensione del ghiaccio marino antartico è stata la sesta più bassa dei mesi di gennaio, rimanendo al 18% al di sotto della media, ben al di sopra del valore più basso di gennaio registrato nel 2023 (-31%). Quanto alle condizioni idrologiche, il mese di gennaio 2024 è stato più umido della media in gran parte dell’Europa, con tempeste che hanno colpito l’Europa nord e sud-occidentale. Condizioni più secche della media sono state osservate nella Spagna sud-orientale e settentrionale e nel Maghreb, nel Regno Unito meridionale, in Irlanda, nell’Islanda orientale, nella maggior parte della Scandinavia, in parte della Russia nord-occidentale e nei Balcani orientali.