Il tiramisu realizzato con panettone o pandoro
Il tiramisu realizzato con panettone o pandoro

Roma, 13 gennaio 2020 - Italiani sempre più ricicloni. Stando a un'analisi di Coldiretti, più di 8 connazionali su dieci dopo le Feste di fine anno, utilizzano gli avanzi dei cenoni. 'Solo il 15 per cento – sottolinea Coldiretti – è stato oculato nel fare la spesa tanto che dichiara di non avanzare niente; il 2% dona in beneficenza e nessuno afferma di buttare cibo nella spazzatura'. L'abitudine al recupero dimostra una sensibilità crescente nei confronti del taglio degli sprechi, per motivi economici, etici e ambientali. Quindi, se avete ancora qualche panettone o pandoro in casa, ecco le proposte di Claudio Gatti, pasticcere a Tabiano e ideatore della rinomata focaccia, per riutilizzarli nelle prossime cene con gli amici.

Tiramisù leggero

Preparare una caffettiera da 3 tazze. Amalgamare 250 grammi di mascarpone, 200 grammi di panna per dolci e 6 cucchiai di zucchero fino a ottenere una crema. Allungare il caffè con mezzo bicchiere d'acqua e 2 cucchiaini di zucchero. Tagliare il panettone (o pandoro) a fettine, bagnarlo con il caffè e ricoprirlo con la crema. Procedere fino a esaurimento e spolverizzare infine con il cacao amaro. Se si vuole rendere la ricetta adatta anche ai bambini, sostituire il caffè normale con quello d'orzo.

Budino di panettone (o pandoro)

Lavorare in una ciotola 3 tuorli e 80 grammi di zucchero. Aggiungere 500 ml di latte caldo, 1 cucchiaino di anice o rum, e mescolare. Spezzettare 500 gr di pandoro o panettone (oppure mescolare 250 gr di pandoro e 250 gr di panettone) e trasferirli in un'altra  ciotola. Aggiungere  100 grammi di cioccolato fondente tritato grossolanamente e il composto liquido. Amalgamare  bene gli ingredienti. Ungere uno stampo a ciambella, versare il composto e cuocere a 160 gradi per 30- 40 minuti a seconda del forno. Lasciare raffreddare, sformare e servire dopo avere spolverizzato con zucchero a velo.