Amici, la produzione contro Luca Jurman: “Non lo rivogliamo, per questo ci insulta”

L’ex insegnante di canto al centro della bufera per le accuse al programma sui social network

Luca Jurman e le sue "riunioni carbonare"
Luca Jurman e le sue "riunioni carbonare"

Il 2024 di Amici comincia con una polemica. In realtà l'ultimo anno è stato caratterizzato da moltissime polemiche da parte di Luca Jurman, già insegnante del talent show di Maria De Filippi. Jurman ha sempre criticato l'utilizzo - spesso, va sottolineato, eccessivo - dell'autotune fra gli allievi della scuola, ma non solo. Soprattutto negli ultimi mesi, l'ex docente di canto non è andato tanto per il sottile. Anzi. 

Ha lanciato accuse piuttosto pesanti a produzione e autori del programma, fra cui quelle di favoritismo nei confronti di alcuni concorrenti. Arrivando a organizzare anche sui social quelle che lui stesso ha ribattezzato “riunioni carbonare”. E ora è arrivata la reazione della Fascino, società produttrice di Amici di Maria De Filippi, che ha risposto per bocca del produttore esecutivo Paola Di Gesu

"Che si parli di un programma tv nel web o sui giornali, è cosa più che normale. Che se ne parli perché qualcuno decide di screditare quel programma perché non corrisponde al suo gusto personale, succede e va accettato come tutte le critiche. C'è però un limite..." ha affermato Paola Di Gesu.

"È da un mese o più che un ex coach di canto di Amici, Luca Jurman, cerca disperatamente visibilità infangando come più può un programma per il quale ha chiesto centinaia di volte di tornare a farne parte. Dal 2018 e fino ad una manciata di mesi fa, ha telefonato decine e decine di volte, ha mandato tanti messaggi, ha cercato in ogni modo di poter rientrare a far parte del cast tecnico o artistico di Amici. È venuto di persona negli uffici della società a Roma, per proporsi e per, secondo lui, dimostrare quanto si fosse sbagliato andandosene all'epoca in cui decise di fare un 'colpo di scena'. Verso la fine di una puntata del serale, all'epoca in diretta, si alzò e - guarda caso con sotto la sedia già il cappotto e la sua borsa - disse appunto in diretta che riteneva terminato il suo lavoro ad Amici (aveva perso la sua ultima allieva). Nei giorni successivi cercò in ogni modo di tornare sui suoi passi, ma ritenemmo che fosse sufficiente chiudere il rapporto lì e con tanta buona educazione, gli dicemmo che poteva serenamente ritenersi libero anche dal contratto che lo avrebbe invece impegnato per qualche altra settimana - ha proseguito -. Ognuno è giustamente libero di fare le proprie scelte e la scelta di avere Jurman tra i coach era già stata messa in discussione più e più volte dalla produzione perché i suoi metodi parevano per una serie di ragioni, poco limpidi e poco funzionali alla vita artistica degli allievi. Le strade si dividono con buona pace di tutti, di solito".

"Invece nel suo caso - ha sottolineato il produttore esecutivo di Amici -, come appare dai social dove quasi quotidianamente esterna fandonie, pare che non potendo arrivare là dove espressamente, direttamente e personalmente ha richiesto di tornare, lo abbia portato a infangare, svilire, denigrare la sua ambita meta. Non mi riaccettate? Allora vi sputo addosso. (La volpe e l'uva). Ecco questo è Jurman e questo sarebbe tutto, se non fosse che lui oggi stia lì pervicacemente a negare di aver chiesto di tornare, a negare sfacciatamente di aver proposto se stesso come 'giudice cazzuto'... Ora, non siamo in un tribunale e non si possono sbandierare i messaggi inviati di testo e di audio. Ma quei messaggi ci sono e lui lo sa, quindi noi siamo tanto pazienti, ma perché insistere?".

"Ci auguriamo - ha concluso - che con la stessa disinvoltura con la quale pontifica a volte anche un po’ senza senso sui social, voglia banalmente chiuderla qui e girare pagina. Con rispetto per tutti, anche per chi non ce l'ha per noi. Paola Di Gesu".

Subito è arrivata la risposta di Luca Jurman, naturalmente a mezzo social: “Ecco quello che succede quando si cerca di prendere le parti del talento e ci si batte per la meritocrazia. Se sono arrivati a questo punto significa che stiamo facendo la cosa giusta e spero che cambi il loro modus operandi. Non so affatto chi sia Paola Di Gesu e non la conosco e state tranquilli che io ad Amici non ci torno e non tornerò mai! Infine non vi preoccupate nei prossimi giorni uscirà un bel video risposta”.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro