Foto: Netflix
Uno dei compiti possibili della comicità è quello di rompere gli schermi, forzare il limite di ciò che si può dire, svelare anche con forza le ipocrisie di cui ci circondiamo. È la logica che ha fatto la fortuna di serie animate come 'I Simpsons', 'I Griffin' o 'South Park' e che evidentemente è stata seguita anche da un nuovo prodotto: si intitola 'Paradise Police', debutta su Netflix venerdì 31 agosto e promette dosi abbondanti di politicamente scorretto. Davvero, davvero abbondanti.

PARADISE POLICE, LA SERIE TV

'Paradise Police' è stata creata da Waco O'Guin e Roger Black, autori in precedenza della sitcom animata 'Brickleberry' (2012-2015), storia di un gruppo di ranger che lavorano in un parco nazionale.

LA TRAMA
La storia ruota attorno alla giovane recluta del corpo di polizia di una piccola cittadina statunitense: si tratta dei peggiori poliziotti possibili, gente che nella migliore delle ipotesi è un po' scemotta. La necessità di indagare su un caso di narcotraffico dimostrerà senza ombra di dubbio l'inadeguatezza dei questi tutori dell'ordine.

PARADISE POLICE, COME VEDERLA
La prima stagione è composta da dieci episodi: Netflix li pubblica tutti in un colpo solo il 31 agosto, consigliando la visione ai maggiori di quattordici anni e lasciando agli abbonati del servizio di streaming la libertà di scegliere quando e come guardarli.

IL TRAILER SOTTOTITOLATO IN ITALIANO


COSA POSSIAMO ASPETTARCI?
Il trailer mette in chiaro il tono irriverente della serie TV, ma non può rispondere alla domanda fondamentale e cioè in che modo è stata utilizzata la satira politicamente scorretta. Un conto, infatti, è abbracciare la scuola della provocazione deliberata, altro discorso è metterla in scena senza quella sostanza narrativa che nutre i migliori rappresentanti del genere e che evita si trasformino in un semplice elenco di volgarità.

Se guardiamo a 'Brickleberry', precedente lavoro dei creatori di 'Paradise Police', non possiamo però sperare in una nuova vetta della commedia offensiva come accaduto nei titoli citati all'inizio ('I Simpsons', 'I Griffin' e 'South Park'). Spesso 'Brickleberry' scadeva nella battuta di cattivo gusto fine a se stessa, caratteristica che ha motivato le reazioni dubbiose da parte della critica. Il 31 agosto scopriremo se 'Paradise Police' è un salto in avanti verso la qualità, oppure no.

Leggi anche:
- The Innocents, il teen drama soprannaturale di Netflix
- Don't Worry: una bella storia vera, un bel film
- Ghoul, la miniserie horror di Netflix