Lunedì 17 Giugno 2024

Scherzo telefonico di Fedez a Matteo Salvini: “Si faceva a 12 anni”

Molti utenti del web si schierano dalla parte del ministro: “Che senso ha comportarsi in questo modo?”

Scherzo telefonico di Fedez a Matteo Salvini

Scherzo telefonico di Fedez a Matteo Salvini

Uno scherzo telefonico alle undici di sera. Di solito accadono proprio in questo periodo, ovvero subito dopo la fine delle scuole. Ad opera proprio di chi ha finito di frequentare le lezioni. Invece a metterlo in atto in questo caso, peraltro in diretta su Twitch, è un personaggio che la scuola l'ha finita ormai da anni.

Ad aver messo in atto lo scherzo telefonico è stato Fedez che alle 23 ha deciso di telefonare a Matteo Salvini. Peraltro dicendo "Politici? Quanti ne volete, li ho tutti in rubrica. Al massimo se risponde dico che mi è partita la chiamata". Facendo venire meno di fatto il principio stesso dello scherzo telefonico tradizionalmente inteso.

"Non risponde, non risponde" ha proseguito l'ex di Chiara Ferragni. Cosa che però è avvenuta poco dopo. "Matteo mi è partita la chiamata, tutto bene?" e da qui è partita una breve conversazione. A conclusione della quale sono partite le risate di Fedez e delle persone che erano con lui in diretta.

Il giorno dopo è arrivata la reazione di Matteo Salvini: "Ho letto oggi sul giornale, mi ha fatto uno scherzo. Io non pensavo neanche che lo fosse. Poi sai che scherzone, ognuno si diverte come vuole. Erano le 23, ero a Roma a casa con la mia compagna. Se uno ti chiama alle undici di sera rispondi e pensi 'Non si sa mai, avrà avuto un problema'. Io gli scherzi telefonici ho finito di farli a 12 anni. Chiamavi un po' da scemotto a 12-13 anni, facevi la pernacchia, e mettevi giù. A 40 anni magari il tempo degli scherzi telefonici è finito".

Dalla parte del ministro ci sono i commenti di molti utenti sul web: "Ha ragione Salvini", "Ma è uno scherzo?", "Ma Fedez si annoia?".