np_user_4025247_000000
PATRIZIA TOSSI
Magazine

Michael J. Fox a cuore aperto: “Ho avuto un tumore. Potrei morire presto”

La star di ‘Ritorno al Futuro’ ha parlato anche del Parkinson

Il 61enne Michael J. Fox
Il 61enne Michael J. Fox

Sta diventando sempre più difficile. Non si muore di Parkinson, si muore con il Parkinson. Non arriverò a 80 anni”. Sono frasi difficili quelle usate dall’attore Michael J. Fox per descrivere la malattia degenerativa con cui convive ormai da molti anni e che sta diventando sempre più invalidante. Teme di morire presto, le difficoltà sono enormi. “Sta bussando alla porta”, ha detto di ‘Ritorno al Futuro’ parlando del Parkinson. “Sarò franco: sta diventando sempre più difficile. Ogni giorno è più difficile, purtroppo è così”.

Come sta Michael J. Fox?

È un lento e progressivo peggioramento, una condizione invalidante da cui convive dal 1991 quando, alla soglia dei suoi trent’anni, ha scoperto di avere il morbo di Parkinson. Un segreto nascosto per sette anni, poi nel ‘98 l’annuncio al pubblico. L’attore, in un'intervista al programma televisivo 'Cbs Sunday Morning' – che andrà in onda domani, domenica 30 aprile – l'attore 61enne non nasconde che sta diventando sempre più difficile convivere con il Parkinson.

Le rivelazioni

Per chi conserva ancora la memoria del giovane Marty McFly, scattante protagonista della trilogia di ‘Ritorno al Futuro’, le immagini che verranno mandate in onda potrebbero risultare scioccanti. Fox mostra tremore, difficoltà nel parlare, instabilità posturale. È ciò che traspare dalle immagini dell’intervista registrata con la giornalista Jane Pauley e diffuse dalla Cbs.

Il tumore alla spina dorsale e le fratture

Michael J. Fox ha rivelato di essere stato sottoposto ad un intervento chirurgico alla spina dorsale per rimuovere un tumore benigno che gli creava problemi alla deambulazione e gli ha causato anche la rottura di due braccia, una frattura ad una mano e varie lesioni alla faccia. “Le cadute possono diventare letali con il Parkinson – ha raccontato nell’intervista – come prendersi la polmonite per l'aspirazione del cibo” a causa della disfagia (difficile a deglutire il cibo) tipica del Parkinson. “Tutte queste cose sottili ti portano alla... Non si muore di Parkinson, si muore con il Parkinson. Non arriverò a 80 anni”, ha aggiunto l’attore.

‘Still: A Michael J. Fox Movie’

Michel non ha mai fatto mistero delle sue condizioni. Dopo aver reso pubblica la malattia, l'attore è stato sempre disponibile a parlare delle sue condizioni, anche per sensibilizzare l’opinione pubblica su un morbo ancora poco conosciuto. Si è messo a nudo anche nel documentario ‘Still: A Michael J. Fox Movie’, in onda dal 12 maggio su Apple TV+.

“Finché sono grato, posso essere ottimista”

Grazie alla sua fondazione, la ricerca sul morbo ha fatto grandi passi avanti e ha portato all'identificazione di un marcatore biogenetico che potrebbe portare ad una diagnosi precoce e quindi ad una cura. Nonostante il peggioramento delle sue condizioni, Michael J. Fox dà una grande lezione di positività. “Finché sono grato, posso essere ottimista”, ha detto in un'intervista a Entertainment Weekly a proposito del documentario di Apple TV+. “E posso essere grato se ci penso, perché non avrei avuto il resto della mia vita se non fosse stato per le tante cose che mi sono successe, Tracy (la moglie, ndr) prima di tutte. E anche se sembra innaturale, ancora oggi, se riesco a trovare una piccola cosa per cui essere grato, posso essere ottimista”.