Kevin Spacey
Kevin Spacey

Kevin Spacey reciterà nel suo primo film da quando è stato travolto dalle accuse di essere autore di violenze e molestie sessuali: il lungometraggio si intitola 'L'uomo che disegnò Dio' ed è diretto e interpretato da Franco Nero. Nel cast anche Vanessa Redgrave, Robert Davi e Stefania Rocca. Parlando con ABC News, Nero ha detto di essere "molto felice che Kevin abbia accettato di partecipare, lo considero un grande attore e non vedo l'ora di iniziare le riprese". Ha però rifiutato di rispondere a molti magazine che volevano approfondire la questione, soprattutto parlando della vita privata di Spacey.
 

Il primo film di Kevin Spacey dallo scandalo sessuale

Secondo quanto scritto dallo sceneggiatore Lorenzo De Luca, 'L'uomo che disegnò Dio' racconta l'ascesa e caduta di un artista cieco che ha il dono straordinario di disegnare ritratti perfetti delle persone semplicemente ascoltando la loro voce. Grazie a questo talento diventa una star della televisione spazzatura, assurgendo a simbolo della "necessità di riscoprire il potere miracoloso della dignità in un mondo nel quale i media hanno affrontato il problema dell'imperfezione umana semplicemente fingendo che non esista".

'L'uomo che disegnò Dio' sarà il secondo lungometraggio da regista per il 79enne Franco Nero, dopo l'esordio 'Forever Blues' (2005) e dopo una lunghissima carriera d'attore iniziata con gli spaghetti western e proseguita abbracciando un po' tutti i generi cinematografici, dal poliziottesco al dramma, dall'azione al war movie.
 


La questione Kevin Spacey

Premiato per due volte con l'Oscar, grazie a 'I soliti sospetti' e 'American Beauty', Kevin Spacey è stato uno degli attori più apprezzati e richiesti della sua generazione fino all'ottobre del 2017. A partire da quel momento una serie di attori più giovani l'hanno denunciato pubblicamente di molestie e, in alcuni casi, di violenza. Alcuni procedimenti giudiziari sono iniziati, altri sono terminati in un niente di fatto, altri ancora sono aperti e al momento mancano condanne definitive. In ogni caso, la carriera di Spacey ha conosciuto un tracollo: i due casi più famosi sono la sua esclusione dalla serie TV 'House of Cards' e la sua sostituzione dal film 'Tutti i soldi del mondo' di Ridley Scott.