Hello Kitty
Hello Kitty

A marzo del 2019 la compagnia che possiede i diritti di sfruttamento di Hello Kitty, cioè la giapponese Sanrio, ha firmato un accordo con la statunitense New Line Cinema (una divisione di Warner Bros.) per sviluppare un film per il grande schermo ispirato al celebre media franchise. Nel corso dei mesi molti tasselli sono andati al loro posto e oggi possiamo raccontare chi è la sceneggiatrice e chi sono i due registi del lungometraggio, che mescolerà personaggi in carne e ossa e altri ricostruiti digitalmente al computer.

Hello Kitty, un franchise da record

La felina Hello Kitty nasce nel 1974, grazie al giapponese Yuko Shimizu: inizialmente pensata per rivolgersi principalmente a un pubblico di bambine e ragazzine, ha poi allargato il proprio target e ha dato vita al secondo media franchise di maggior successo di sempre, dietro quello dei Pokémon e davanti a 'Star Wars' e Topolino. Ad oggi si contano una quantità di serie animate, videogame, fumetti e gadget di vario tipo, dagli abiti ai gioielli, dagli zainetti ai quaderni e chi più ne ha più ne metta. Esiste pure una chitarra Fender Stratocaster brandizzata Hello Kitty.

Il film per il grande schermo

Il personaggio di Hello Kitty è già comparso in tre film d'animazione, che però sono usciti solamente in Giappone nel 1987, 1990 e 1991. New Line Cinema intende invece distribuire il nuovo lungometraggio in tutto il mondo e realizzarlo in forma ibrida, live action più animazione. La produzione è in mano a Beau Flynn e Wendy Jacobson, che insieme hanno lavorato a film d'azione come 'Rampage' e 'San Andreas'. La sceneggiatura è stata scritta da Lindsey Beer, che ha esordito nel 2018 con 'Sierra Burgess è una sfigata' e al momento ha nove progetti in lavorazione.

La regia è invece stata affidata a Jennifer Coyle e Leo Matsuda, alla loro prima collaborazione e al loro primo lungometraggio. Non sono però dei novellini ed entrambi si sono formati all'interno del mondo dell'animazione statunitense: Coyle ha lavorato a serie TV animate come 'King of the Hill', 'The Spectacular Spider-Man', 'Bob's Burgers' e 'Harley Quinn'. Matsuda ha invece fatto la gavetta presso Walt Disney Animation e ha contribuito ai film 'Big Hero 6', 'Zootropolis', 'Ralph Spaccatutto' e al sequel 'Ralph spacca Internet'.

Un messaggio di amicizia e rispetto

Commentando il suo coinvolgimento nel progetto, Jennifer Coyle ha detto che intende "diffondere il messaggio di amore, amicizia e inclusività che caratterizza Hello Kitty. Il mondo ha bisogno del suo brand di gioia e felicità". Dal canto suo, Leo Matsuda ha aggiunto: "Essendo cresciuto in Brasile da una famiglia giapponese ero circondato da Hello Kitty, che mi ha aiutato a comprendere che va bene essere diversi".

Leggi anche:
- Girl Power: il film femminista di Netflix
- Raya e l'ultimo drago, il film d'animazione esce su Disney+
- Will Smith tentato dalla politica