Una scena di 'Game of Thrones', Il Trono di spade (Ansa)
Una scena di 'Game of Thrones', Il Trono di spade (Ansa)

Belfast, 14 aprile 2019 - E' aprile, e l'inverno è finalmente arrivato. E con il lungo inverno è finita l'attesa: torna stanotte, dopo quasi due anni di fiato sospeso, 'Game of Thrones' (Il Trono di Spade) con l'ultima, definitiva, ottava stagione."Ogni battaglia, ogni tradimento, ogni rischio, ogni lotta, ogni sacrificio, ogni morte. Tutto per il Trono", aveva annunciato lo scorso novembre il profilo twitter di HBO. Poi a marzo i trailer, e stanotte, finalmente, il primo episodio del Trono di Spade andrà in onda su Sky Atlantic in contemporanea con l'America, quando da noi saranno le 3 del mattino di lunedi 15 aprile, nella versione originale sottotitolata in italiano, e in streaming su SkyGO e NowTV. L’episodio verrà riproposto alle 21.15 di domani, mentre dal lunedì successivo, 22 aprile, sarà trasmessa la versione doppiata in italiano. Per una volta, finalmente la notte sarà oscura, ma piena di gioie.

LA PREMIERE - A poche ore dal debutto della serie televisiva più acclamata e amata di sempre, il fenomeno a marchio HBO continua a scatenare ipotesi e teorie su chi sopravviverà e chi morirà nella lotta per il Trono, e soprattutto nella sfida fra gli umani e i non morti. Dopo otto anni, la guerra, nel bene o nel male, sta per volgere al termine. A partire dalla quinta stagione, lo show è andato oltre i libri che lo hanno ispirato (Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, di George R.R. Martin), fatto che non ha mancato di suscitare polemiche tra i fan piu sensibili. L'ultima stagione, per quanto intrisa di spettacolarità e colpi di scena, si è mossa con pigrizia, dialoghi scarni, uno scorrere del tempo irreale, e il fattore deus ex machina a compensare l'assenza di quei personaggi 'di parola' che ci hanno fatto innamorare della serie.

Lo scorso venerdì, a Belfast, si è tenuta l'anteprima europea del primo episodio e, senza nessuno spoiler, possiamo assicurare che almeno per ora la nuova stagione non si preannuncia affatto come la precedente. Kit Harington (Jon Snow) ha dichiarato di avere passato notti insonni prima dell’inizio delle riprese. "E’ surreale, assurdo, estremamente interessante e travolgente in così tanti modi”, ha detto, riferendosi allo show. Dispiaciuto anche Jerome Flynn (Bronn), "perché tutto sta per finire". Più sereno Liam Cunningham (Davos Seaworth), che si è detto estremamente lieto di come lo show abbia aiutato l’industria cinematografica dell’Irlanda del Nord. “Le persone qui, il loro talento, la qualità del lavoro, sono assolutamente straordinari". Sentimentale anche Kit Harington, che ha confessato che la cosa che gli mancherà di più sarà proprio l’Irlanda del Nord: "Non che non ci tornerò, ma mi mancherà tornare per tutto questo. Mi mancheranno la gente, tutta la crew. Qui ho incontrato persone con cui sarò amico per tutta la vita, e ho incontrato mia moglie. Certamente li vedrò ancora, ma non sarà la stessa cosa". Presenti alla premiere di Belfast anche Maisie Williams (Arya), Sophie Turner (Sansa), John Bradley (Samwell Tarly), Carice Van Houten (Melisandre), Isaac Hempstead Wright (Bran Stark), Conleth Hill (Lord Varys), Jerome Flynn (Bronn), Gemma Whelan (Yara Greyjoy), Hannah Murray (Gilly), Jacob Anderson (Grey Worm), Nathalie Emmanuel (Missandei), Ben Crompton (Dolorous Edd), Joe Dempsie (Gendry), Pilou Asbaek (Euron Greyjoy), Richard Dormer (Beric Dondarrion), Kerry Ingram (Shireen Baratheon).

Una scena di 'Game of Thrones' (Ansa)

L’INVERNO E’ ARRIVATO - Ma dove eravamo rimasti? Il Nord non dimentica, e noi nemmeno. Nelle ultime puntate della scorsa stagione, Daenerys ha cercato di convincere Cersei ad una tregua, portandole prove materiali della minaccia che sta arrivando da Nord. Come prevedibile, dopo un primo e poco convinto sì, la regina ha scelto di non mantenere la parola data, cosa che rende sempre piu plausibile tra i fan la teoria per cui potrebbe essere proprio l'adorato fratello Jaimie a uccidere la regina. Daenerys e Jon Snow, coronato il sogno d'amore (palesemente inviso da Tyrion Lannister, che nella nuova stagione potrebbe voltare le spalle alla Madre dei Draghi per tornare in seno alla propria famiglai), si stanno dirigendo a Nord, presumibilmente passando per Winterfell, dove ad attenderli ci saranno i sopravvissuti della famiglia Stark, Arya, Sansa, e Bran, che nel frattempo ha rivelato a Sam quello che sapevamo da tempo: Jon è un Targaryen, e il suo nome non è Jon ma Aegon, il principe promesso. La Madre dei Draghi non è dunque l'unica erede del Re Folle: Jon è il figlio di suo fratello maggiore, cosa che complica, oltre alla loro situazione romantica, l'alleanza politica che si era creata quando Jon si era finalmente inchinato. Presumibilmente a dargli la notizia saranno Bran o Sam, gli unici per ora a conoscenza del segreto. Come reagirà Jon? E soprattutto, Daenerys? Conoscendo il carattere della giovane Targaryen, probabilmente non molto bene. Così come probabilmente non la prenderà molto bene la sorella dell'amato, Sansa, dal carattere altrettanto fiero e, per quanto intelligentissima, non immediatamente simpatica.

Chi avrà un ruolo fondamentale sarà Bran, personaggio chiave nella prossima stagione, ma dal ruolo estremamente ambiguo. Il freddo saluto alla sua protettrice Meera e lo scarso affetto nei confronti delle sorelle fanno pensare che Bran ormai sia diventato in tutto e per tutto il misterioso veggente noto come 'Corvo con tre occhi'. Le teorie dei fan, qui, si sbizzariscono: che Bran sia il Re della Notte? E possibile che sia stato lui a dare inizio a tutto, facendo impazzire Aerys Targaryen permettendo cosi l'ascesa al trono di Robert Baratheon? Quali sono le probabilità che sia stato lui a erigere la Barriera, millenni fa? E perché, nel trailer del primo episodio, nella cripta in cui sono sepolti gli Stark, si vedono le statue di Arya, Sansa, Jon, ma non di Bran? Tra i nomi più gettonati dei possibili morti, in effetti, le sorelle Stark sono in cima alla lista, insieme a Daenerys e Cersei. E acora: cosa sta accadendo oltre la Barriera, crollata nell’ultimo episodio della scorsa stagione? I sei (lunghi) episodi dell’ottava stagione non saranno certo privi di colpi di scena, ma una cosa è certa: saranno milioni gli spettatori che si alzeranno nel cuore della notte per guardare il primo episodio, ben prima dell’alba. Ma come ci ha insegnato Jaime Lannister: "Oh, le cose che facciamo per amore".