Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
3 mag 2022

Serie tv per quarantenni: ecco 5 cinque consigli

Produzioni televisive acclamate dalla critica, ideali per gli appassionati di storia e di thriller ma anche sit-com leggere: ecco 5 serie tv per chi ha 40 anni

3 mag 2022
Quarantenni che guardano serie TV
Quarantenni che guardano serie TV
Quarantenni che guardano serie TV
Quarantenni che guardano serie TV

Le serie TV riescono ad appassionare anche il pubblico dei millennials. Quale modo migliore, infatti, per rilassarsi dopo il lavoro se non dedicandosi a una maratona di episodi mentre si sta comodamente seduti sul divano? Ecco, quindi, i titoli di cinque serie TV perfette per i quarantenni.

1. Breaking bad (Netflix)
Una serie TV che ha ottenuto enorme successo, anzi, a detta di molti critici, ‘LA’ serie TV per eccellenza. E nel 2013 il Guinness World Record l’ha riconosciuta come quella con la più alta valutazione di tutti i tempi. La storia principale è quella di Walter White (Bryan Cranston) che, dopo aver scoperto di essere in fin di vita, decide di diventare un produttore di metanfetamina per lasciare soldi alla famiglia dopo la sua scomparsa.
Curiosità: il volto del protagonista, comunque, ha rischiato di essere diverso da quello che tutti hanno imparato a conoscere: per il ruolo principale, infatti, prima di Cranston erano stati immaginati gli attori hollywoodiani John Cusack e Matthew Broderick. Walter White, inoltre, è il nome di un reale spacciatore ricercato in Alabama. Nel complesso Breaking bad si è aggiudicata 15 Emmy, 2 Golden Globes e 3 SAG Awards. Nel 2015 è stato pubblicato anche uno spin-off: Better Call Saul, che si concentra sul personaggio dell’avvocato Saul Goodman.
Non solo azione ma anche rapporti familiari, amicizie e tanta scienza in questa produzione da record.

2. The man in the high castle (Prime video)
Tratta dal romanzo La svastica sul sole, questa serie TV è composta da 40 episodi – suddivisi su quattro stagioni – e mescola storia e fantascienza. Gli eventi presentati sullo schermo rappresentano infatti un mondo distopico: tutto si svolge negli anni ’60, dopo la conclusione del secondo conflitto mondiale, che in questa realtà parallela si è concluso con la vittoria della Germania. Gli Stati Uniti, inoltre, non esistono più e sono guidati per metà dal governo tedesco e per metà da quello giapponese. Il titolo scelto per la trasposizione televisiva fa riferimento a un uomo nell’alto castello, un personaggio che compare in pochissimi episodi della seconda stagione e che entra a far parte del cast regular della serie solo nella stagione finale.
La serie perfetta per chi ama la storia ma anche il mondo fantasy e la scienza.

3. Cougar town (Disney+)
In questa sit-com composta da sei stagioni, Courteney Cox veste i panni di Jules, una quarantenne neo-divorziata che vive a Gulfhaven, una cittadina immaginaria della Florida. Inizialmente la serie doveva raccontare la vita sentimentale e sessuale della protagonista, alle prese con relazioni con uomini molto più giovani di lei. Nel corso degli episodi, però, la produzione cambiò idea e finì per concentrarsi sul rapporto che Jules ha con gli amici, con il suo ex marito e con il figlio diciassettenne. I creatori pensarono anche a un cambio di titolo prima dell’uscita della terza stagione (Cougar viene infatti utilizzato con l’accezione di “panterona”, ma nella serie fa riferimento anche ai puma, mascotte sportive della squadra del liceo di Gulfhaven). Il cambio però non avvenne mai.
Irriverente, autoironica, una serie divertente da guardare senza impegno.

4. L’estate in cui imparammo a volare (Netflix)
Ispirata all’omonimo romanzo di Kristin Hannah, L’estate in cui imparammo a volare è una serie da 10 episodi che racconta di Tully (Katherine Heigl) e Kate (Sarah Chalke). Si ripercorre l’amicizia delle due su varie linee temporali attraversando l’infanzia, l’adolescenza e l’epoca contemporanea in cui le protagoniste hanno raggiunto i 40 anni. Per la trasposizione televisiva sono state apportate modifiche, anche sostanziali, alla trama del libro. Gli eventi portati sullo schermo non seguono, inoltre, l’ordine cronologico: gli sceneggiatori si sono ispirati per la realizzazione a serie cult come Lost e This is us e hanno infarcito il racconto di flashback e flashforward. Nel corso del 2022 dovrebbe essere pubblicata una seconda stagione.
La serie perfetta per chi ha voglia di una maratona lunga un weekend. Un racconto commovente basato sul senso più profondo di amicizia.

5. Now and then (Apple TV)
Now and then (letteralmente: ora e allora) è una serie originale Apple girata in doppia lingua, inglese e spagnolo. I primi tre episodi sono in uscita il 20 maggio 2022, mentre i restanti andranno in onda nelle settimane successive, ogni venerdì fino al 24 giugno. La serie racconta la storia di un gruppo di amici legati da un segreto: quando erano ragazzi hanno infatti assistito alla morte di un loro compagno di college senza mai rivelare come sono andati gli eventi. Si ritrovano 20 anni dopo, nel corso di una reunion scolastica, a fare i conti con quella verità. Tra i protagonisti ci sono anche il vincitore dell'Emmy Zeljko Ivanek e Jorge Lòpez, reso celebre dal ruolo di Valerio nella serie Elite (Netflix).
Avvincente e piena di suspense, la serie ideale per chi ama i thriller.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?