Martedì 23 Luglio 2024

Borse denim: la tendenza per la primavera-estate 2023

Dalle passerelle dell’alta moda alle influencer sui social, anche per uno degli accessori più amati spopola la jeans-mania

Borse di jeans per la primavera 2023

Borse di jeans per la primavera 2023

Tracolle, hand-bag, mini-bag, bauletti, secchielli e tanti altri modelli. Le borse denim, versatili e glam, con un immancabile tocco vintage, ma sempre al passo coi tempi, sembrano l’accessorio must have anche per la primavera-estate 2023. Dopo essere state protagoniste della moda degli anni Duemila, le borse denim e in generale la jeans-mania sono tornate nelle sfilate delle grandi maison e sono protagoniste di fit check e reel sui social di influencer e celebrities.  

Borse di jeans per la primavera 2023

Le borse denim sono perfette sia per il giorno, sia per la sera. Possono essere abbinate a semplici outfit casual o essere l’accessorio cool per sdrammatizzare un look troppo serio e formale. Un’alternativa per chi ama le borse denim e si diverte a osare un po’ potrebbe essere il mix and match o pattern su pattern, scegliendo di alternare denim a lavaggio diverso e quindi con colori e sfumature differenti, o un total look monocolore. In tutti i casi ci si distinguerà con brio!

 

Borse denim e colori: come abbinarle

Qualche accorgimento in più forse si può avere rispetto al tipo di denim che caratterizza la propria bag. • Per il classico denim blu scuro, in generale possono andare bene le tinte primarie a contrasto, ovvero giallo e rosso, oppure toni neutri, ma anche indaco, dark blue o denim più chiaro; • Il denim “a lavaggio medio” si sposa bene con capi e accessori color nero, bianco, grigio, marrone, tortora, beige, sabbia. • Il denim chiaro sta bene col bianco, strass ed elementi gioiello che impreziosiscono il tutto; • Il denim nero sta bene anche con le nuance pastello, a parte i classici bianco, nero, grigio e beige; • Il denim bianco sta bene in abbinamento a nero, grigio, tonalità pastello, colori primari, sabbia, crema, oro.

 

Borse denim: cos’è il denim, le origini

Le borse denim ci piacciono perché inevitabilmente ci riportano agli amati blue jeans, brevettati da Levi Strauss e Jacob Davis il 20 maggio 1873. Ma il materiale con cui sono realizzate ancora oggi le borse denim è precedente al capo cult dello stile casual. Già durante il XVII secolo, a Nîmes, in Francia, i fabbricanti di stoffe tessevano un tessuto resistente ricavato dalle fibre di cotone, molto simile al moderno denim. Era un materiale economico, ideale per realizzare abiti da lavoro per le persone comuni. Non a caso il nome “denim” proviene proprio dall’abbreviazione del francese “serge de nîmes”, che significa “tessuto di Nîmes”. Il caratteristico colore blu – che ancora oggi perlopiù contraddistingue le borse denim di tendenza – derivava dall’indaco, altrettanto conveniente. Era una tintura che costava poco, anche perché coi lavaggi e con l’usura tendeva a scolorire e a mutare. Proprio gli aspetti che hanno fatto la fortuna dei blue jeans e che rendono il denim sempre attuale e alla moda.

 

Borse denim: un materiale versatile

Le borse denim sono fatte ancora oggi di un materiale, il denim, appunto, che da secoli viene realizzato nello stesso modo. A contraddistinguerlo sono, in particolare, la trama diagonale e la disposizione spostata della trama e dell'ordito che presentano diverse tonalità: mentre la prima è bianca, il secondo, di solito, è blu. Si parlava anche di resistenza e versatilità, come si vede bene anche dalle borse denim contemporanee. Sono punti di forza che si ottengono proprio dalla speciale tessitura. A differenza di altri tessuti, infatti, i fili si intrecciano in modo meno stretto e i punti di legatura risultano spostati, a prova di strappo. È pratico e durevole, può essere sottoposto a numerosi lavaggi senza comprometterne la resa.