L'ossessione per i muscoli porta rischi nei giovani uomini - foto milan virijevic istock
L'ossessione per i muscoli porta rischi nei giovani uomini - foto milan virijevic istock

Se stai cercando di costruirti un fisico possente con il body building, potresti finire in depressione o in preda all'alcolismo. È il risultato piuttosto sorprendente di uno studio condotto da due gruppi accademici congiunti, la Norwegian University of Science and Technology (NTNU) e la Harvard University.
Dall'analisi emerge che soprattutto i giovani che si preoccupano di gonfiare i muscoli sono a rischio elevato di depressione, binge drinking e cattiva alimentazione.


IL PRIMO STUDIO SU UOMINI E MUSCOLI
Lo studio, pubblicato sul Journal of Eating Disorders, ha coinvolto 2460 uomini di età compresa tra 18 e 32 anni. La sua rilevanza sta nel fato che è il primo a livello internazionale che indaga sulla relazione fra gli uomini e il loro corpo (e i muscoli).
Nel paper si leggono dati interessanti. Ad esempio che il 10% degli uomini soffre di un disturbo dell'immagine corporea: significa pensare di essere troppo grassi e fare palestra per dimagrire.
In questo senso, i giovani che sollevano pesi hanno anche quattro volte la probabilità di usare integratori legali e illegali e steroidi anabolizzanti. E più di uno su tre è stato a dieta l'anno scorso.


ASSOMIGLIARE A CRISTIANO RONALDO
Ecco le frasi più ricorrenti emerse dalle interviste del team:
"Sto pensando di prendere steroidi anabolizzanti"
"Non penso che il mio petto sia abbastanza muscoloso"
"Mi sento in colpa se salto un allenamento"

Trine Tetlie Eik-Nes, leader della ricerca, punta il dito contro i modelli che circolano nella nostra società: "Il problema nasce quando i corpi di atleti professionisti come Cristiano Ronaldo diventano modelli per i giovani 'regolari' che hanno lavoro, studi e famiglia. Per assomigliare a Ronaldo dovrebbero allenarsi a tempo pieno. Ma Ronaldo è uno dei pochissimi che ha fatto dello sport la sua professione e ci dedica l'intera giornata. C'è una bella differenza”.

Ecco perché, secondo lo studio, nasce una distorsione della propria immagine e l'ossessione per il corpo, con delle conseguenze negative.


CAMBIARE IL PROPRIO CORPO
Precedenti studi hanno dimostrato che i ragazzi in sovrappeso, o quelli magri, sono maggiormente a rischio di sviluppare disordini di immagine corporea. La ricerca norvegese-americana conferma questa tesi che spiega come il desiderio per un corpo muscoloso non sia correlato al peso. "I muscoli diventano una forma di cosmesi per gli uomini", spiega Eik-Nes, "che non stanno cercando di irrobustirsi per sviluppare la forza con uno scopo preciso (sciare più velocemente, migliorarsi nel calcio...)", ma in sostanza solo per assomigliare ai modelli mediatici.


I CAMPANELLI D'ALLARME
Lo studio non nega che l'esercizio fisico sia benefico per la salute, ma spiega che quando l'allenamento prende il sopravvento, ci sono rischi da considerare. Appunto l'alcolismo e la depressione relativa alla delusione causata dalla propria immagine.
I campanelli d'allarme dovrebbero suonare quando un giovane passa il pomeriggio intero in palestra, quando “vuole solo mangiare pollo e broccoli” e quando consuma continuamente frullati di proteine o integratori.