Non basterebbe un giornale intero per dettagliare la miriade di iniziative di solidarietà che ogni Natale si porta in dote. In lungo e in largo per lo Stivale sono tantissime per aiutare chi soffre o è in difficoltà. Associazioni, istituzioni, cittadini comuni. Il Natale per gli altri è anche questo: donare senza pensare ad avere niente in cambio. Storie di cui abbiamo trattato in questo numero speciale di Qn Weekend e storie che ogni giorno dell’anno le potete trovare anche sul portale Luce! (luce.nazione.it) il sito che parla di diversità, inclusione, solidarietà e molto altro. Alcune delle news che vedete in questa pagina sono tratte proprio dal Luce!

Intanto però si susseguono frenetiche le attività per questo Natale. A Pesaro grazie alla collaborazione tra il Villaggio di Babbo Natale e la Caritas, continua fino a oggi, 24 dicembre, la raccolta di doni nuovi da regalare agli ospiti delle strutture di accoglienza. I regali verranno raccolti da Caritas e consegnati dai volontari domani (25 dicembre) alla mensa diocesana della Caritas di Pesaro e nelle strutture di accoglienza Casa Tabanelli e Casa Fra Arduino. In Toscana invece una storia di inclusione.

Dall’Afghanistan fino a Pisa, in fuga dopo il ritiro delle truppe americane. Una famiglia, composta da madre, padre e bambini, è giunta nella città della torre ed è stata accolta in un appartamento del Comune di Pisa che ne ha affidato la gestione allla Croce Rossa locale. Alberi di Natale o altri simboli della Natività addobbati solo con luci verdi nelle sedi e negli uffici della cooperativa Dimora d’Abramo di Reggio Emilia che sposa la causa dei profughi al confine tra Bielorussia e Polonia, ma solidarizza con contadini polacchi che, con lanterne verdi, segnalano ai profughi la disponibilità a fornire loro un riparo.