Bosnia Erzegovina, Verso Jajce
Bosnia Erzegovina, Verso Jajce

«Atene, la Grecia: la culla della cultura occidentale! In questi tempi un po' cupi a livello politico e ambientale, abbiamo bisogno di ritrovare le nostre origini e radici, non per chiuderci in noi stessi, ma per il processo opposto: quello del dialogo e dell'accoglienza. Ognuno di noi ha radici così profonde da non essere figlio di un solo luogo, ma cittadino del mondo intero! E occorre riscoprire queste radici universali! Ho cercato di farlo raggiungendo la Grecia in bicicletta dall’Italia attraverso i Balcani: terre nel cuore dell’Europa geografica, ma dimenticate da quella politica. Terre ferite che questo viaggio ha voluto riunire e riappacificare attraverso un filo sottile che dalle ruote della mia bicicletta – Fernanda – viene steso in segno di vicinanza e fratellanza!»

Daniele Vallet è psicologo, scrittore, cicloturista e promotore di BOUTZA-TE'. Dopo svariate imprese in bicicletta legate a progetti di solidarietà, si è cimentato in un lungo viaggio dalla Val d’Aosta ad Atene: ha attraversato i Balcani in bicicletta (la sua fidata Fernanda) in un mese circa, utilizzando due app di ospitality free per trovare e scegliere dove fermarsi lungo il tragitto! Un viaggio solidale e sostenibile da Ambasciatore della sua Val d’Aosta, regione italiana che eccelle nell’uso etico del territorio con un patrimonio naturale assolutamente intatto, e Ambasciatore di Italia Slow Tour, promuovendo la mobilità dolce come approccio al viaggio! Un’esperienza raccontata in diretta sul sito di Turisti per Caso che ha seguito tutto il suo itinerario, raccogliendo il diario di viaggio di ogni sua tappa e di ogni suo incontro! Martedì 5 novembre alle 15.30 presso l’Area Megalitica Saint Martin De Corléans ad Aosta, Daniele sarà ospite e voce narrante di un evento condotto da Patrizio Roversi e organizzato dalla Regione autonoma Valle d’Aosta a cui sarà presente anche Laurent Viérin - Assessore al Turismo, sport, commercio, agricoltura e beni culturali –. Ovviamente siete tutti invitati! Una curiosità: lungo il tragitto, Daniele ha donato a tutti coloro che l’hanno ospitato un oggetto semplice e particolare di uso quotidiano che, insieme al suo racconto del territorio Valdostano, è valso come invito a venire in Italia per scoprirlo di persona... Questo misterioso oggetto sarà svelato a chi interverrà all'evento, per dare un caloroso bentornato a Daniele!