Lunedì 15 Aprile 2024

Ucraina, Budanov promette vendetta: “Ho scoperto chi ha avvelenato mia moglie, ora ritorsioni in Russia”

Il capo dell’intelligence militare di Kiev: “Sono già sopravvissuto a molti tentativi di omicidio e probabilmente sopravvivrò a molti altri”

Roma, 17 febbraio 2024 - Kyrylo Budanov promette vendetta. Il potente capo dell'intelligence militare ucraina sostiene di aver scoperto chi ha avvelenato sua moglie l'anno scorso e ha promesso “azioni di ritorsione sul territorio russo”.

Per iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui

Budanov, al quotidiano francese Liberation, come riferisce il Kyiv Independent, ha detto: “Mia moglie si sente meglio”. E “dato che non ho bevuto il veleno, è difficile per me dire se si sia trattato di un tentativo di omicidio. Ma sono già sopravvissuto a molti tentativi di omicidio e probabilmente sopravvivrò a molti altri. Penso che nel prossimo futuro assisterete ad azioni di ritorsione sul territorio russo, e tutti lo capiranno”, ha aggiunto.

Marianna Budanova e Kyrylo Budanov
Marianna Budanova e Kyrylo Budanov
Approfondisci:

Guerra in Ucraina, Avdiivka è caduta: Kiev si ritira. Zelensky: “Agire ora contro Putin o sarà una catastrofe”

Guerra in Ucraina, Avdiivka è caduta: Kiev si ritira. Zelensky: “Agire ora contro Putin o sarà una catastrofe”

Alla fine dell'anno scorso, l'intelligence militare ucraina aveva reso noto che Marianna Budanova era stata ricoverata in ospedale a causa di avvelenamento da metalli pesanti. Assieme alla donna, altri dipendenti dell’intelligence furono avvelenati e ricoverati in ospedale.

“Navalny vittima di un lento avvelenamento. Bastrykin chiese la licenza di uccidere a Putin”

Secondo i media, la Russia ha compiuto più di 10 attentati alla vita di Kyrylo Budanov. Rispondendo alla domanda se sapeva chi fosse responsabile dell'avvelenamento di sua moglie, il capo degli 007 militari ha risposto: “Certo che lo so!".

Marianna è la seconda moglie di Budanov, con cui si è sposata 10 anni fa. E' stata volontaria all’ospedale militare di Kiev prima di essere candidata al consiglio cittadino della città nel 2020. Non eletta, ha comunque preso parte all’amministrazione del sindaco Klitshko come consigliera per la lotta alla corruzione.