Martedì 23 Aprile 2024

Harry choc contro William: "Mi ha buttato a terra in un litigio per Meghan"

Il racconto nell'autobiografia 'Spare': "Mi ha preso per il bavero e strappato la collana. Sono atterrato sulla ciotola del cane e i pezzi mi hanno tagliato". Il principe ha anche ammesso di aver fatto uso di cocaina a 17 anni. La corte per ora tace

Londra, 5 gennaio 2023 - Un'altra dichiarazione choc quella di Harry contro William, che stavolta esce dalle pagine dell'autobiografia del duca di Sussex 'Spare', dove Harry racconta di uno scontro fisico col fratello. Il motivo? Come sempre Meghan Markle e la decisione del secondogenito di re Carlo di sposare l'attrice. L'attuale principe di Galles avrebbe "preso per il bavero" il fratello, gli avrebbe "strappato la collana e buttato a terra". L'esito della lite, si legge nell'autobiografia che sarà nelle librerie di tutto il mondo la prossima settimana (il 10 gennaio), sarebbe stata una lesione alla schiena. Sempre nel libro, Harry sostiene che furono William e Kate a suggerirgli di indossare l'uniforme nazista durante la celebre festa che scatenò i tabloid e fece piovere sul secondogenito di Carlo una pioggia di critiche. Ma le rivelazioni non finiscono qui. Il principe ha anche ammesso per la prima volta di aver fatto uso di cocaina quando aveva 17 anni. "Certo che in quel periodo prendevo cocaina - si legge nel libro -. A casa di qualcuno, durante un fine settimana di caccia, mi è stata offerta una striscia, e da allora ne ho consumata ancora un po'".

Re Carlo e la foto inedita con la regina Elisabetta: "Auguri a tutte le mamme del mondo"

Re Carlo contro il figlio: "Harry non tocchi Camilla". Bufera su Spare

Harry: terribile sentire William urlarmi contro. "Mia nonna non ha voluto vedermi"

Da sinistra Meghan, Harry, William e Kate (Ansa)
Da sinistra Meghan, Harry, William e Kate (Ansa)

La lite

Un retroscena che non era ancora venuto fuori nel racconto dei rapporti difficili fra i fratelli, nemmeno nella serie tv Netflix 'Harry & Meghan' che ha fatto clamore per le rivelazioni dei duchi del Sussex contro la famiglia reale britannica. Il libro, di cui il Guardian ha ottenuto una copia in anteprima, prende il titolo da un vecchio detto dei circoli reali e aristocratici, ovvero che il primogenito è erede di titoli, potere e fortuna mentre il secondo serve come ''ricambio'' nel caso in cui dovesse succedere qualcosa al primo.

Lo scontro fisico tra i due sarebbe avvenuto nel Nottingham Cottage, come racconta Harry, spiegando che tra i due sono volati insulti. William, accusato da Harry di comportarsi come un erede al trono e non come un fratello, gli avrebbe invece detto di volerlo aiutare. ''Dici sul serio? Aiutarmi? Scusa, è così che lo chiami? Aiutarmi?". Sono queste le frasi di Harry che avrebbero fatto infuriare William, ''che non ragionava, era furioso''. 

Cercando di calmarlo porgendogli un bicchiere d'acqua, Harry racconta che ''è successo tutto così in fretta. Tutto molto veloce. Mi ha afferrato per il bavero, strappandomi la collana, e mi ha buttato a terra. Sono atterrato sulla ciotola del cane, che si è rotta sotto la mia schiena, i pezzi mi hanno tagliato. Sono rimasto lì per un momento, stordito, poi mi sono alzato in piedi e gli ho detto di uscire''.

Harry scrive che William lo ha invitato a reagire, citando litigi che avevano avuto quando erano bambini, ma lui si è rifiutato di farlo. A quel punto William se ne andò, ma poi tornò "con l'aria dispiaciuta", scrive Harry. ''Non c'è bisogno che tu lo dica a Meg'', ha quindi detto William, aggiungendo che ''non ti ho attaccato''. Harry racconta quindi di aver raccontato l'accaduto al suo terapeuta, mentre la moglie se ne è accorta vedendo i ''graffi e lividi'' sulla schiena, ma ''non era molto sorpresa, non era molto arrabbiata''. Era invece ''molto triste''. Il filo conduttore del libro, comunque, come scrive il Guardian è il risentimento di Harry per essere il "ricambio". Un sentimento che emerge nei capitoli sulla sua infanzia, la sua scuola, la sua carriera come reale e nell'esercito britannico, il suo rapporto con i genitori e il fratello e la sua vita con Meghan e il ruolo di padre. All'inizio del libro Harry racconta di quello che suo padre, ora re Carlo, avrebbe detto a sua moglie, la principessa Diana, il giorno della nascita di Harry: ''Meraviglioso! Ora mi hai dato un erede e uno di riserva: il mio lavoro è finito''. 

Ma, se le imbarazzanti anticipazioni della biografia dilagano sulle pagine dei media britannici con tanto di commenti e interpretazioni da parte di analisti e royal correspondent, la corte britannica per il momento tace. Proprio come aveva taciuto - almeno ufficialmente - in occasione delle recenti "rivelazioni" della docu-serie 'Harry e Meghan', andata in onda su Netflix, o delle anticipazioni di due interviste tv appena concesse dal medesimo Harry in previsione del lancio di 'Spare'. 

"Ho fatto uso di cocaina"

Il principe Harry ha parlato anche della sua adolescenza, ammettendo di aver fatto uso di cocaina a 17 anni. "Naturalmente allora ho assunto della cocaina. A casa di qualcuno, durante un weekend di caccia, me l'hanno offerta e da allora ne ho consumata altra", si legge in un brano, secondo quanto anticipa Sky News. "Non era molto divertente, e non sembrava rendermi specialmente felice come sembrava accadere agli altri, ma mi faceva sentire diverso e questo era il mio obiettivo. Sentire qualcosa. Essere diverso", ha raccontato la sua esperienza, aggiungendo che allora era "un diciassettenne pronto a provare qualsiasi cosa che avrebbe alterato l'ordine prestabilito. Almeno era quello di cui cercavo di convincere me stesso".