Israele, ultime notizie: 700 morti, cento ostaggi in mano ad Hamas. Decine di carri armati di Tel Aviv verso Gaza. Lancio di razzi anche da Hezbollah

Oltre 2.500 i feriti. Il Jerusalem Post: “Ci sono 750 dispersi”. Netanyahu assume i poteri di comando per la guerra. I miliziani: “Sostegno da parte dell’Iran per l’operazione”. Le vittime palestinesi sono oltre 413, quasi 2.300 i feriti. Combattimenti in corso ed è allerta per “cellule dormienti”

Soldati israeliani al lavoro tra le macerie di una stazione di polizia distrutta a Sderot (Ansa)

Soldati israeliani al lavoro tra le macerie di una stazione di polizia distrutta a Sderot (Ansa)

Roma, 8 ottobre 2023 - Israele è in guerra, come ha detto il primo ministro Benjamin Netanyahu. Pesantissimo il bilancio delle vittime dell'attacco su vasta scala lanciato dall'ala armata del gruppo palestinese e che si scopre ora aver avuto il sostegno dell’Iran: 700 israeliani sono morti, mentre i feriti sono 2.500. Un centinaio gli ostaggi presi dai miliziani palestinesi, anche se stamattina le truppe di Tel Aviv riferiscono di averne liberato un "numero significativo". In serata Hamas ha annunciato una raffica di missili" sull'aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv.

Inoltre le Forze di difesa israeliane si starebbero preparando a un’incursione di terra nella Striscia di Gaza, come dimostrerebbero le decine di carri armati israeliani che si stanno dirigendo verso l'enclave palestinese e i video condivisi sui social. E sono 413 i palestinesi rimasti uccisi e 2.300 i feriti negli attacchi aerei israeliani di ieri su Gaza.

Oggi Hamas ha tentato una nuova incursione nel sud di Israele, nella zona di Eshkol, secondo quanto riferisce l'emittente Channel 12. Infuriano i combattimenti tra miliziani di hamas ed esercito israeliano. Intanto il gruppo libanese Hezbollah ha affermato di aver lanciato decine di razzi e proiettili su tre postazioni israeliane nella regione contesa del Monte Dov in solidarietà con l'attacco di Hamas contro Israele.

Approfondisci:

Rave party Israele, si temono centinaia tra morti e dispersi

Rave party Israele, si temono centinaia tra morti e dispersi
21:25
Hamas, raffica di missili sull'aerporto di Tel Aviv

Le sirene antiaereo sono scattate nel centro e nel Sud di Israele mentre le Brigate Al-Qassam di Hamas hanno annunciato il lancio di "una raffica di missili" sull'aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv, "come risposta aicontinui crimini contro i civili".

20:12
Hamas, l’aiuto Usa a Israele è aggressione ai palestinesi 

Il rafforzamento del sostegno militare a Israele annunciato da Washington per aiutare il paese a fronteggiare l’offensiva lanciata da Hamas equivale a "partecipare all’aggressione contro il nostro popolo". Lo ha dichiarato oggi il movimento islamico palestinese al potere a Gaza. "L’annuncio da parte degli Stati Uniti (di ulteriori aiuti militari americani a Israele) è una reale partecipazione all’aggressione contro il nostro popolo", si legge in una dichiarazione di Hamas. "Queste azioni non spaventano il nostro popolo né la resistenza che continuerà a difenderlo", prosegue la nota.

16:55
Israele, 700 morti. A Gaza 413 vittime

Oltre 700 israeliani, la maggior parte civili, sono stati uccisi dall'inizio dell'attacco. Lo riportano i media locali secondo cui i feriti sono 2.500. Il ministero della Sanità palestinese invece ha aggiornato a 413 morti, di cui 78 bambini, il bilancio dei raid israeliani sulla Striscia di Gaza.

16:20
"Biden verso trasferimento di armi a Israele"

Joe Biden ha ordinato di fornire "ulteriore sostegno" a Israele dopo gli attacchi di Hamas, ha affermato la Casa Bianca. L'amministrazione Biden potrebbe autorizzare un significativo trasferimento di armi a Israele, che potrebbe arrivare dalle poco conosciute scorte americane in Israele, destinate ai conflitti in Medio Oriente ma che Washington ha autorizzato Israele a usare solo in caso di emergenze, riporta Politico citando alcune fonti, secondo le quali nonostante le forniture all'Ucraina contro la Russia, gli Stati Uniti hanno ancora le scorte necessarie per 
Israele. Le stesse fonti precisano che l'assistenza militare a Israele non avrà impatto sulla fornitura di armi all'Ucraina in quanto i due paesi usano sistemi diversi. 

13:56
Blinken: ci sono americani tra le vittime

''Abbiamo notizie di diversi americani che sono stati uccisi e risultano dispersi'' in Israele durante l'attacco di Hamas e ''stiamo lavorando oltremodo per verificarlo''. Così il Segretario di Stato Usa Antony  Blinken alla Cnn. Gli Stati Uniti - ha detto poi Blinken - non hanno le prove che l'Iran sia dietro l'attacco, riconoscendo comunque che esistono legami di lunga data tra Teheran e il gruppo militante che governa la Striscia di Gaza

13:43
Gaza, 370 morti per i raid israeliani

Il bilancio dei morti causati dai raid israeliani su Gaza è salito a 370. Lo indicano le autorità della Striscia. ​​​​​​

Gaza, la Al-Aklouk Tower distrutta da un raid israeliano (Ansa)
Gaza, la Al-Aklouk Tower distrutta da un raid israeliano (Ansa)
12:50
Presidente iraniano parla con i capi di Hamas

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha parlato con i leader di Hamas e della Jihad islamic, riferiscono i media iraniani. "Raisi ha discusso degli sviluppi in Palestina in telefonate separate con Ziyad al-Nakhalah, segretario generale del Movimento della Jihad islamica, e Ismail Haniyeh, capo dell'ufficio politico" di Hamas, ha riferito l'agenzia di stampa statale Irna, senza fornire ulteriori dettagli. Successivamente la televisione di Stato ha fatto sapere che il presidente ha dichiarato che l'Iran sostiene il diritto dei palestinesi all'autodifesa e ha accusato Israele di essere un pericolo per la regione.

11:50
Netanyahu assume i poteri di comando per la guerra

Benjamin Netanyahu ha assunto i poteri di comando per la guerra. Il primo ministro israeliano ha ratificato la clausola di guerra dopo che, ieri sera, il gabinetto di sicurezza ha votato l'articolo 40 della legge fondamentale che prevede l'entrata ufficiale del Paese in guerra e l'autorizzazione a svolgere "attività militari significative". Il voto del gabinetto di sicurezza di Israele conferisce alla dichiarazione di Netanyahu valore legale in conformità con la Legge 40 dello Stato di Israele, ovvero che il Paese non può entrare in guerra senza una decisione del governo in tal senso.

In mattinata, il premier aveva tenuto una valutazione della situazione con il ministro della Difesa Yoav Gallant, il capo di Stato Maggiore dell'IDF Herzi Halevi e altri leader dell'establishment della difesa. 

11:41
Air France sospende i voli per Israele

 Air France ha sospeso i voli per Tel Aviv dopo l'attacco di sabato contro Israele da parte del gruppo islamico palestinese Hamas. "Air France ha sospeso i suoi voli per il momento", ha detto il primo ministro francese Elisabeth Borne domenica alla BFM TV. Sul sito di Air France la compagnia spiega di seguire in tempo reale gli sviluppi in Israele. Per questo, in coordinamento con la Direzione generale dell'aviazione civile francese (Dgac) e le autorità israeliane, ha deciso di sospendere i voli verso Tel Aviv fino a nuovo avviso. Di conseguenza, i voli da e per Tel Aviv oggi e domani sono stati cancellati.

10:56
Allerta per "cellule dormienti di Hamas" in Israele

In Israele sarebbero ancora presenti "due cellule dormienti" di Hamas pronte ad entrare in azione se i militari israeliani entreranno nella Striscia di Gaza per un'operazione di terra. È quanto si legge in un report di fonti qualificate dal quale emerge anche che l'invasione di alcune zone della Striscia da parte di Tel Aviv è uno scenario che viene dato per scontato. Quanto in profondità andrà invece l'operazione, sottolineano ancora le fonti, dipenderà dall'entità delle perdite provocate dall'attacco di Hamas. Secondo il report, tra gli ostaggi presi da Hamas ci sarebbero anche alcuni lavoratori asiatici. Confermato poi che Israele sarebbe stato colto di sorpresa dal massiccio attacco, mentre si teme che si possano aprire nuovi fronti di tensioni in Cisgiordania e in Libano.

10:00
Il Papa: "La guerra è una sconfitta, ci sia pace tra Israele e Palestina"

Papa Francesco al termine dell'Angelus ha ricordato il conflitto in corso. "Seguo con apprensione e dolore quanto sta avvenendo in Israele dove la quando violenza è esplosa ancora più velocemente provocando centinaia di morti e feriti. Esprimo la mia vicinanza alle famiglie delle vittime, prego per loro e per tutti coloro che stanno vivendo ore di terrore e di angoscia", ha detto per poi lanciare un appello. "Gli attacchi e le armi si fermino per favore, perché si comprenda che il terrorismo e la guerra non portano a nessuna soluzione ma solo alla morte, alla sofferenza di tanti innocenti - ha detto il prontefice -. La guerra è una sconfitta. Ogni guerra è una sconfitta. Preghiamo affinché ci sia la pace in Israele e in Palestina".

09:37
Cancellati i voli dall'Italia a Tel Aviv

Dato il prolungarsi della situazione in Israele e al fine di preservare la sicurezza di passeggeri ed equipaggi, tutti i voli Ita Airways da e per Tel Aviv sono stati cancellati fino a martedì mattina. La compagnia di bandiera invita i passeggeri a verificare lo stato del volo sul sito e App prima di recarsi in aeroporto. ​​​​​​

Approfondisci:

Guerra in Medio Oriente, rinviata la partita di Eurolega tra Olimpia Milano e Maccabi Tel Aviv

Guerra in Medio Oriente, rinviata la partita di Eurolega tra Olimpia Milano e Maccabi Tel Aviv

Anche Wizz Air ha annunciato la cancellazione di tutti i voli da e per Tel Aviv previsti oggi dall'Italia. Il vettore fa sapere che contatterà i passeggeri interessati direttamente tramite e-mail o SMS e fornirà loro opzioni di cambio prenotazione o rimborso, nonché di alloggio.

09:12
Esercito israeliano: 500 attacchi su Gaza

Il portavoce militare dell'esercito di israele, Daniel Hagari, ha dichiarato che dall'inizio della operazione 'Spade di ferro' le truppe hanno condotto 500 attacchi su Gaza e hanno ucciso almeno 400 miliziani di Hamas. Inoltre, ha aggiunto, l'esercito israeliano ha tirato colpi di avvertimento verso "un gruppo di sospetti presenti nell'area" colpita in precedenza su Har Dov nei pressi del confine con il Libano. 

08:50
Media: 750 israeliani dispersi dopo l'attacco

Sono 750 gli israeliani che risultano ancora dispersi dopo l'attacco sferrato dai miliziani di Hamas in Israele. Lo riportano sia l'emittente Channel 12 sia il Jerusalem Post, riferendo delle numerose persone rapite dagli uomini di Hamas.

07:50
Decine di carri armati israeliani diretti a Gaza

Le Forze di difesa israeliane si starebbero preparando a un'incursione di terra nella Striscia di Gaza, da dove ieri sono partiti i centinaia di miliziani di Hamas per l'attacco a sorpresa. Lo dimostrerebbero le decine di carri armati israeliani che si stanno dirigendo verso l'enclave palestinese, come dimostrano i video condivisi sui social. L'obiettivo di Israele è di evacuare entro le prossime 24 ore tutti i residenti delle cittadine vicino al confine con Gaza, ha detto il portavoce dell'esercito Daniel Hagari. 

07:35
Tajani: "Nessuna notizia negativa su italiani in Israele"

Il governo italiano non ha "notizie negative" riguardo i nostri connazionali in Israele dopo l'attacco di Hamas, ha riferito il ministro degli Esteri Antonio Tajani allo speciale Tg1.  "La nostra ambasciata a Tel Aviv e il consolato a Gerusalemme seguono e sono in contatto 24 ore su 24" con gli italiani che vivono lì. Complessivamente i connazionali sono 18mila, ha spiegato Tajani, "poi ci sono 500 italiani turisti, temporaneamente in Israele" e un decina nella Striscia di Gaza, dove tra l'altro i Carabinieri contribuiscono alla formazione dei palestinesi.​​​​​​

Approfondisci:

Coppia pesarese in fuga da Tel Aviv: "Preso l’ultimo aereo per Roma"

Coppia pesarese in fuga da Tel Aviv: "Preso l’ultimo aereo per Roma"
07:15
Hamas: "Nostri miliziani impegnati in battaglie feroci"

Hamas sostiene che i suoi miliziani sono ancora impegnati in battaglie "feroci all'interno di Israele", secondo quanto fatto sapere il braccio armato dell'organizzazione islamista, le Brigate al-Qassam. Tra i luoghi in cui ancora si combatte, secondo la nota diffusa sul suo canale Telegram, Ofakim, Sderot, Yad Mordechai, Kfar Azza, Be'eri e Kissufim. 

06:51
Hamas: "L'Iran ci ha dato sostegno nell'attacco"

L'Iran ha aiutato Hamas nella preparazione dell'attacco multiplo contro Israele, ha dichiarato il portavoce di Hamas, Ghazi Hamad, parlando alla Bbc. Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian in una conversazione telefonica con il suo omologo turco Hakan Fidan ha affermato che l'attacco del movimento islamico Hamas contro Israele è stata una mossa spontanea delle forze della Resistenza in risposta ai continui atti criminali del regime sionista. "È necessario rafforzare la solidarietà tra i Paesi islamici a sostegno del popolo e della Resistenza palestinese", ha dichiarato il diplomatico iraniano, citato dall'IRNA. 

06:46
Attacco di Hamas: oltre 1.800 feriti in Israele

E' salito a 1.864 il numero delle persone rimaste ferite in Israele e trasferite in ospedale in seguito all'attacco a sorpresa lanciato da Hamas. Lo scrive il Times of Israel spiegando che tra i feriti ci sono 19 persone che versano in condizioni critiche, 326 che sono gravemente ferite e 359 in condizioni moderate.  A completare il bilancio ci sono anche 821 persone ferite leggermente e 20 in cura per stress traumatico. Altre 223 persone sono sotto controllo medico.

05:25
Razzi di Hezbollah dal Libano su Israele

L'Hezbollah libanese ha rivendicato di aver compiuto "tiri di artiglieria e lanci di razzi" su Israele dal territorio del Libano. In una nota, il gruppo paramilitare islamista e sciita libanese, che come miliziani palestinesi vuole la distruzione di Israele, afferma di aver preso di mira tre siti militari israeliani nelle "fattorie di Sheeba", la regione contesa di Mount Dov. Le forze di difesa israeliane non hanno riportato alcun ferito e hanno detto di aver risposto con attacchi di artiglieria.