Domenica 14 Luglio 2024

Hong Kong, annullati i passaporti di sei attivisti democratici: taglie da 1 milione di euro

I militanti pro-democrazia sono fuggiti nel Regno Unito per l’ondata di repressione nell’ex colonia. Sono accusati di attività che minacciano la sicurezza nazionale

Hong Kong, 12 giugno 2024 – Annullati i passaporti di sei attivisti democratici fuggiti nel Regno Unito da Hong Kong: il governo li ha definiti “criminali ricercati senza legge”. Da quando le autorità hanno sedato le violente proteste pro-democrazia nel 2019, l’ex colonia inglese ha intensificato la repressione del dissenso, promulgando leggi sulla sicurezza che – secondo Paesi critici come la Gran Bretagna e gli Stati Uniti – hanno “frenato le libertà nella città”.

Hong Kong annulla i passaporti di sei attivisti fuggiti in Regno Unito. Sono accusati di attività che minacciano la sicurezza nazionale
Hong Kong annulla i passaporti di sei attivisti fuggiti in Regno Unito. Sono accusati di attività che minacciano la sicurezza nazionale

Cosa è successo

L'anno scorso, il governo ha emesso taglie da 1 milione di dollari di Hong Kong (128.000 dollari americani) per 13 attivisti con sede all'estero, accusati dalle autorità di aver commesso crimini contro la sicurezza nazionale.

“Continuano a impegnarsi palesemente in attività che mettono in pericolo la sicurezza nazionale. Fanno anche commenti allarmistici per diffamare e calunniare la regione amministrativa speciale di Hong Kong”, ha detto in un comunicato un portavoce del governo.

Chi sono gli attivisti ricercati

Le sei persone fuggite ricercate sono l'ex deputato pro-democrazia Nathan Law, il veterano unionista Christopher Mung Siu-Tat e gli attivisti Finn Lau, Fok Ka-chi, Choi Ming-da e Simon Cheng, il fondatore del gruppo della società civile Hong Kong in Gran Bretagna.

Passaporti annullati, attivisti messi al bando. “Abbiamo preso una tale misura per dare loro un duro colpo”, aggiungono dal governo locale. Oltre a cancellare i loro passaporti hongkonghesi, la polizia ha dichiarato che chiunque offra fondi, affitti proprietà o gestisca un'attività con le persone nominate potrebbe rischiare fino a sette anni di carcere.