"Ha fatto rapire i figli". La Danimarca vuole arrestare l’ereditiera tedesca Block

Il commando era composto da ex Mossad. E ora il caso diventa politico

Migration

Berlino, 4 gennaio 2024 – Sembrava il rapimento di due bambini compiuto da una banda di criminali per chiedere un riscatto milionario, è stato invece l’ultimo atto di un dramma familiare seguito da un mandato di arresto internazionale per la mamma e una sorta di scontro diplomatico tra due Paesi europei, Danimarca e Germania. Come accade spesso, moglie e marito prima si amavano, oggi si odiano, fino ad arrivare a usare i quattro figli come armi di battaglia. E ricorrono a ogni mezzo. La madre, Christina Block, 48 anni, figlia dell’inventore delle steakhouse tedesche, è arrivata a ingaggiare ex agenti del Mossad, guidati da un anziano capo del Bnd, uno dei servizi segreti tedeschi, ormai in pensione. Dopo il divorzio nel 2018, l’ormai ex marito della donna e padre dei bambini, Stephan Hensel, 49 anni, si è ritirato in Danimarca, a Gravenstein nella provincia continentale che confina con la Germania, con i tre figli, Johanna, 17 anni, che ha scelto di vivere con lui, e i due più piccoli, Theodor di 10 anni e Klare di 13, che gli erano stati affidati solo per alcuni mesi. Dopodiché lo stesso padre si è rifiutato di consegnarli alla ex moglie. Con la madre vive solo la quindicenne Greta. Le autorità danesi hanno parteggiato per il padre, bloccando i tentativi della madre di riportare a casa in Germania tutti i figli.

“La Danimarca si è comportata come un paese arabo", commenta August Hanning, 77 anni, ex dirigente del Bnd, che Frau Christina ha assunto come consigliere. Sarebbbe stato Hanning ad assumere, per il colpo di mano, due più giovani ex agenti del Mossad. Dopo aver brindato a mezzanotte in un locale di Gravenstien, Stephan è uscito all’aperto per ammirare con i figli i fuochi di artificio. È stato aggredito e immobilizzato da un commando di uomini mascherati che hanno preso con la forza i bambini fuggendo su due auto.

Prima che scattasse l’allarme in tutta la regione, meno di un’ora dopo i rapitori hanno passato senza probemi il confine, diretti a Amburgo. Dal numero di targa, la polizia danese ha accertato che le vetture erano state noleggiate all’aeroporto di Amburgo, con due passaporti israeliani. Per due giorni dei bambini non si sono avute notizie anche se il padre ha subito dichiarato di sospettare della ex moglie. Giovedí, Frau Christina ha comunicato alla poizia tedesca che i due bambini sono con lei e stanno bene, tutti riuniti nell’Hotel Grand Elysees, della città anseatica, che appartiene alla famiglia. La polizia danese, però, ha già fatto arrivare negli uffici investigativi di Amburgo una richiesta di arresto per la donna. Il fondatore dell’impero delle bistecche, Eugen Block, 83 anni, ha aperto nel 1968 la prima Block House ad Amburgo. Oggi i ristoranti sono 54, di cui 47 in Germania, e l’anno scorso l’utile del gruppo ha superato i 3,5 milioni di euro. Da oggi la battaglia ricomincia, senza risparmio di colpi bassi e di milioni, e Christina gioca in casa