Bolivia, una vittima del Covid-19 a Cochabamba (Ansa)
Bolivia, una vittima del Covid-19 a Cochabamba (Ansa)

Roma, 4 luglio 2020 - Dopo che ieri l'Oms ha lanciato l'ennesimo avvertimento sulla pandemia mondiale di Coronavirus ("Svegliatevi"), oggi l'Organizzazione mondiale della sanità riporta un aumento record dei casi globali, con un incremento totale di 212.326 casi in 24 ore. Gli Stati Uniti sono ancora in primo piano con numeri sempre più preoccupanti e l'ennesimo record di contagiati in un solo giorno (57mila). Altra notizia arriva dalla Francia dove l'ex premier Edouard Philippe è indagato per la risposta del Paese al Coronavirus. Intanto la Catalogna mette in quarantena 200mila persone. Sale la preoccupazione per i Paesi dei Balcani, che dopo le riaperture ora vedono velocemente risalire i contagi. Serbia e Croazia le più colpite. 

I numeri complessivi in costante aggiornamento nel mondo dicono che sono stati superati gli 11 milioni di casi. Secondo l'ultimo aggiornamento di Johns Hopkins University, i contagi sono 11.037.625 a livello globale e i morti 523.898.

Stati Uniti

Nuovo record di casi negli Stati Uniti: nelle ultime 24 ore sono stati 57.562. È quanto emerge dai dati del Covid Tracking Project. Si tratta del terzo giorno consecutivo con oltre 50.000 nuovi contagi. I positivi negli Usa sono in totale 2,79 milioni, e i decessi 129.405. Il Covid tocca anche la famiglia del presidente Donald Trump: Kimberly Guilfoyle, fidanzata del figlio primogenito di Donald Trump, Donald Junior, sarebbe positiva al coronavirus. Lo riporta TheHill precisando che Trump Junior è invece negativo. Guilfoyle, che lavora per la campagna del tycoon, non ha avuto recenti contatti con il presidente. Intanto da segnalare che l'Alabama e diversi altri Stati hanno riportato aumenti record nei casi di covid-19, in vista del lungo weekend del 4 luglio. La Carolina del Nord, la Carolina del Sud, il Tennessee e l'Alaska hanno assistito tutti a nuovi massimi giornalieri.

La Florida oggi registra il nuovo record di contagi: 11.445 casi nelle ultime 24 ore, un dato che supera di molto il primato di giovedì, quando erano 10.109. Due i nuovi decessi. In totale i casi sono 190.052, mentre si contano oltre 3.700 vittime. 

Trump al 4 luglio

Trump è arrivato in South Dakota per le celebrazioni del 4 luglio ai piedi del Monte Rushmore. Ad attenderlo una folla di circa 7.500 sostenitori, seduti gli uni vicini agli altri, senza mascherine, come se il coronavirus non ci fosse."Il nostro Paese sarà più grande di come mai lo sia stato finora, siamo sulla strada di un'enorme vittoria", ha detto nell'occasione il presidente, non citando il coronavirus, ma "la terribile piaga dalla Cina".  Intanto sui social è esplosa la polemica dopo che Ivanka Trump, figlia e consigliera del tycoon, ha invitato gli americani alla cautela per il 4 luglio, a fare attenzione e a "praticare il distanziamento sociale e a indossare la mascherina". Una pioggia di risposte sono giunte dagli utenti dei social: "Dovresti dirlo a tuo padre", era mediamente il senso dei tanti post, che facevano notare che papà Donald era a un evento al Mount Rusmore in cui non c'era obbligo di mascherina e di distanziamento sociale.

image

Spagna

La Generalitat catalana ha deciso di mettere in quarantena nelle loro case gli abitanti di 38 piccoli comuni della provincia di Segrià, che contano circa 209.000 persone, a partire da mezzogiorno, a fronte dell'aumento dei casi di coronavirus registrati nelle ultime ore. Sono nove i focolai attivi. Lo rende noto La Vanguardia. Fino alle 16 ai residenti sarà permesso di entrare, ma da quel momento in poi sarà vietata la circolazione, ad eccezione dei lavoratori che devono spostarsi.

image

Australia

In Australia preoccupa la situazione di Melbourne, seconda città del Paese, dove circa 3 mila residenti di palazzi popolari sono stati messi in isolamento da oggi, e per almeno cinque giorni. Il motivo è lo scoppio di un nuovo focolaio che le autorità stentano a mettere sotto controllo. Il Paese ha registrato il più grande aumento giornaliero di casi negli ultimi mesi, con 108 nuovi casi concentrati nello Stato sud-orientale di Victoria. Lo Stato australiano aveva già intensificato i test e inasprito alcune restrizioni a seguito di una riacutizzazione dei casi la scorsa settimana. 

Germania

Nelle ultime 24 ore si sono registrati in Germania 422 nuovi contagi e sette morti per il coronavirus. In totale, secondo i dati dell'Istituto Robert Koch, nel Paese sono stati raggiunti oltre 196mila contagi e 9.010 morti, mentre i guariti sono oltre 181mila.

India

Continuano ad aumentare i contagi in India, con 22.771 nuovi casi nelle ultime 24 ore, il numero più alto dall'inizio dell'epidemia, e un totale di 648.315. Sempre secondo i dati del ministero della Sanità, da ieri ci sono stati 442 decessi. Il numero complessivo dei morti dopo aver contratto il covid dall'inizio della crisi sono 18.655.

America Latina

Un picco di contagi nelle ultime 24 ore (70.644) ha dimostrato che la curva della pandemia cerca ancora in America Latina il suo assestamento, mentre i casi hanno raggiunto i 2.793.946, con un forte incremento anche dei morti arrivati a quota 124.118 (+2.736).

Brasile

In Brasile nelle ultime 24 ore registra altri 1.290 morti e 42.223 nuovi casi di coronavirus, portando il totale rispettivamente a 63.174 vittime e a 1.539.081 contagiati. Lo ha reso noto il ministero della Sanità di Brasilia, secondo cui lo stato più colpito resta quello di San Paolo. In un mattatoio suino a Dourados, nello Stato brasiliano del Mato Grosso do Sul, oltre mille dipendenti sono risultati positivi, lo riferisce la magistratura locale. Per i 4.134 addetti della struttura sono iniziati tamponi a tappeto. La maggior parte dei positivi è guarita, e appena 20 di loro sono al momento in malattia. Il dato testimonia, da una parte, quanto l'industria della carne sia terreno fertile per il contagio (vedi i casi in Germania) e dall'altro come il Brasile rimanga uno degli epicentri della pandemia, secondo solo agli Stati Uniti come numero di infezioni. 

Giappone

Almeno 130 nuovi casi sono stati registrati a Tokyo nelle ultime 24 ore, un aumento, che per il terzo giorno consencutivo, si mantiene sopra le 100 unità. Lo ha riferito l'emittente locale Nhk, citata dall'agenzia Reuters. Sono casi legati ai quartieri della movida.

Francia

Una corte francese ha avviato un'inchiesta sulla gestione da parte del governo di Parigi della risposta al coronavirus: l'indagine si concentra su tre figure di spicco, tra le quali c'è anche il primo ministro uscente Edouard Philippe, a seguito di denunce di sindacati e medici. Ieri Philippe si è dimesso nell`ambito di un rimpasto di gabinetto, e il presidente Macron ha dato l'incarico a Jean Castex, colui che ha guidato il piano di deconfinamento post-epidemia. L'esecutivo ha dovuto fronteggiare critiche per la carenza di dispositivi medici durante la pandemia. Il Museo del Louvre riaprirà le sue porte lunedì 6 luglio, inaugurando la sua fase post Covid con tutte le precauzioni possibili e senza gli abituali turisti americani e asiatici di questa stagione. La crisi ha già causato "più di 40 milioni di perdite" al Louvre, ha annunciato il suo presidente e direttore Jean Luc Martinez.

Gran Bretagna

In Inghilterra pub riaperti dopo tre mesi di lockdown, per la gioia di avventori ed esercenti, tra i timori delle autorità locali e delle forze dell'ordine, preoccupati per disordini e nuovi contagi per il cosiddetto 'super sabato'. Tra le riaperture sono previsti anche ristoranti, cinema, musei, biblioteche e parrucchieri, così come hotel e b&b. Si prevedono 10,5 milioni di persone al volante nel fine settimana e 6,5 milioni nei pub, 1,5 in più rispetto alla media.

E proprio la voglia di birra ha tradito Nigel Farage, leader del Brexit Party, che ancora in quarantena perché tornato in Gran Bretagna dagli Stati Uniti, si è fatto beccare al pub: lui stesso ha postato una foto con in mano una pinta e la didascalia: "Ore 12, sono il primo cliente. Che bello". Ma il parlamentare liberaldemocratico Davey ha scritto alla polizia del Kent perché indaghi, affermando che Farage il 20 giugno era ancora in America, perché si era fatto fotografare a un comizio di Trump, e che quindi l'"uscita al pub ha violato di almeno un giorno i termini della quarantena".

Russia

La Russia ha registrato 6.632 nuovi casi nelle ultime 24 ore, aggiornando a 674.515 il numero dei contagi dall'inizio della pandemia nel Paese.  Le autorità russe hanno anche riportato 168 nuove vittime da ieri, legate al Covid-19. Il bilancio complessivo dei decessi è ora di 10.027.

Serbia

Sale l'epidemia in Serbia, dove nelle ultime 24 ore si sono registrati 325 nuovi contagi da coronavirus, con il totale salito a 15.829. I nuovi decessi sono stati otto, che hanno portato a 306 il numero delle vittime totali. In aumento anche il numero dei pazienti in terapia intensiva, che sono ora 86. Il Paese da diversi giorni, come nel resto dei Balcani, assiste a una forte ritorno dell'epidemia di Covid-19. Dopo un periodo di calo progressivo dei casi, in Serbia nelle scorse settimane era stato abolito lo stato di emergenza e il relativo coprifuoco, insieme al divieto tassativo per gli ultra 65enni di uscire di casa. Eliminate quasi tutte le restrizioni nell'attività economica e commerciale. Ma la popolazione, restia alla mascherina e alla distanza fisica, sembrava aver dimenticato i rischi del virus, che è però tornato a circolare e a contagiare. Le utorità hanno quindi ripristinato alcune delle misure restrittive. A Belgrado, dove si conta oltre l'80% del totale dei contagi, è stata dichiarata la 'situazione di emergenza', come in altre otto città.

Nel resto dei Balcani la situazione non è migliore. Casi in crescita in Croazia, in Macedonia del Nord, Slovenia e Montenegro. Resta alta la curva dei contagi in Romania, il Paese della regione che è il più duramente colpito dalla pandemia. Situazioni analoghe di ripresa dell'epidemia si registrano in Bosnia-Erzegovina e Kosovo. 

Algeria

L'Algeria per il quinto giorno consecutivo registra un record nella crescita dei contagi da coronavirus: 430 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore, che portano a 15.500 il bilancio totale dei contagiati. I decessi sono saliti a 946. In aumento anche i guariti, che passano da 10832 a 11.181. In rianimazione 56 pazienti. 

Giordania

Le autorità giordane hanno deciso che saranno applicati braccialetti elettronici ai viaggiatori che sono recentemente arrivati nel regno per assicurarsi che osservino la quarantena contro la diffusione del coronavirus. Per legge le persone che arrivano in Giordania devono isolarsi per quattordici giorni negli hotel indicati dalle autorità sulle rive del Mar Morto, a ovest della capitale Amman. Dopo quel periodo, devono autoisolarsi per altri quattordici giorni a casa. Nel Paese la situazione sta peggiorando, registrato il record di contagi: 501 nuovi casi. Il principale focolaio è Hebron dove sono stati riscontrati oltre 400 casi. In Cisgiordania, come in Israele, si sta assistendo ad una forte ripresa dei contagi.

image