Covid in Gran Bretagna (Ansa)
Covid in Gran Bretagna (Ansa)

Roma, 19 settembre 2020 - L'Europa è sempre sotto osservazione per la pandemia di Coronavirus. In particolare c'è grande preoccupazione per quanto sta accadendo in Francia (13.498 nuovi contagi), Spagna e Gran Bretagna dove sono previsti lockdown che interessano 12 milioni di cittadini. Complessivamente nel mondo il Covid ha provocato oltre 30,5 milioni di casi e oltre 950mila morti.

Coronavirus Italia, il bollettino del 20 settembre

Francia, ancora oltre 13mila nuovi contagi

Nelle ultime 24 ore in Francia sono stati registrati 13.498 nuovi contagi: per il secondo giorno consecutivo è stata superata la soglia dei 13.000 casi, quasi 300 in più rispetto al bilancio precedente. I nuovi focolai sono 58. Ma l'aumento vertiginoso dei contagi in Francia non ha frenato la riapertura ai visitatori questo weekend del Palazzo dell'Eliseo. L'occasione degli European Heritage Days, evento che si celebra a Parigi ogni anno, il terzo weekend di settembre.  Anche il giardino dell'Eliseo è stato fruibile. Quest'anno l'Eliseo, a causa della pandemia, ha ridotto di circa un terzo il numero degli ingressi.

Germania, nuovo record

La Germania ha registrato il più alto numero giornaliero di nuovi casi di coronavirus dal 24 aprile, con 2.297 nuove infezioni, secondo l'istituto di sorveglianza epidemiologica Robert Koch. Il Paese, tuttavia, esegue circa il doppio dei test a settimana rispetto ad aprile, un milione rispetto ai 500.000 di cinque mesi fa. In totale, circa 270.070 persone sono risultate positive in Germania dall'inizio dell'epidemia. 9.384 i morti, di cui sei nelle ultime 24 ore. Il Nord Reno-Westfalia e la Baviera sono i due Laender più colpiti.

Gb, BoJo valuta altre restrizioni

Il Coronavirus corre veloce nel Regno Unito: nelle ultime 24 ore registrati 4.422 nuovi casi, 100 in più rispetto a ieri e l'aumento giornaliero più alto dall'8 maggio. Da inizo pandemia la Gran Bretagna ha visto 390.358 infezione. Le nuove vittime sono 27, per un totale di 41.759 morti. Dati che stanno facendo valutare al premier Boris Johnson se irrigidire le misure anti-Covid-19 in Inghilterra. Lo stesso BoJo ha dichiarato che il Regno Unito sta "affrontando una seconda ondata adesso". Nel mirino i pub e le riunioni tra famiglie diverse. Ma le restrizioni, e la prospettiva di una ulteriore stretta, hanno portato a Trafalgar Square, Londra, stasera molti manifestanti contro il confinamento. La polizia della City ha effettuato 32 arresti, riferisce il Guardian. Contestati i reati di disordini violenti e aggressione ad un operatore di emergenza, oltre alla violazione delle norme contro l'assembramento. Tafferugli nati anche perché gli agenti hanno fatto un blitz a sorpresa nella piazza per liberare il palco.

Spagna, nuovo lockdown a Madrid

A partire da lunedì, alcune zone di Madrid saranno soggette al lockdown per frenare l'aumento del Covid-19 mentre i casi in tutta Europa continuano a crescere. Lo riferisce la Bbc online. Il provvedimento riguarda oltre 850mila persone nella regione di Madrid che saranno sottoposte a restrizioni per i viaggi e agli assembramenti. Ma il primo ministro spagnolo, Pedro Sanchez, ha assicurato che il governo non sta pensando ad un nuovo lockdown nazionale. In un'intervista Sanchez ha riconosciuto la preoccupazione, ma ha assicurato che la situazione attuale è meno grave di quella vissuta diversi mesi fa. "Il sistema è molto più preparato, ma i dati suscitano preoccupazione e dobbiamo rafforzare la collaborazione del governo centrale con le comunità".

Austria, il contagio non si ferma 

Autorità austriache preoccupate: il contagio è in continuo aumento. Nelle ultime 24 ore sono state registrate 813 nuove infezioni, di cui 432 solo a Vienna. L'ospedale 'Kaiser Franz Josef' della capitale, la prima struttura sanitaria dedicata ai malati di Covid-19, non ha più posto in terapia intensiva. Oggi altre 7.748 positività, su un totale di 37.657. Le persone decedute con tampone positivo in Austria sono complessivamente 765. 

Russia, ancora su i casi

Il numero di casi  rilevati nell'ultimo giorno in Russia ha superato le 6.000 unità per la prima volta dal 19 luglio. Lo ha detto il quartier generale operativo per combattere la diffusione del coronavirus. Secondo la sede centrale, la crescita giornaliera è stata dello 0,56%, il numero totale di persone infette ha raggiunto quota 1.097.251. Il numero di morti è invece aumentato di 144 casi contro i 134 del giorno precedente e ha raggiunto un totale di
19.339 persone.

India, positivi 30 deputati

Il contagio da Covid-19 non risparmia i deputati del Parlamento di New Delhi, in India, che probabilmente dunque dovrà chiudere in anticipo la sessione autunnale, peraltro appena cominciata. Sono infatti 30 i deputati che sono stati contagiati e intanto l'epidemia, in quello che è il Paese che ha più casi al mondo dopo gli Usa, non si ferma: il numero di contagi registrati è salito a 5,308 milioni.

Seconda ondata, mappa dei lockdown

Ovunque si sta cercando di evitare la seconda ondata, dalle misure parziali a chiusure rigorose. Il Regno Unito tenta di evitare una chiusura dell'intero paese, anche se le misure "locali" prese si riveleranno insufficienti. In Danimarca le restrizioni finora riservate alla capitale Copenaghen sono state estese al resto del paese. In Francia, dove aumentano i contagi, le autorità sanitarie hanno invitato gli abitanti di Parigi di evitare riunioni di più di 10 persone. A Nizza stop agli aperitivi in spiaggia dopo le 20, e divieti di assembramento anche nei parchi, come a Lione e Marsiglia. In Grecia il governo ha rafforzato le misure soprattutto ad Atene, dove sono stati nuovamente chiusi i cinema e si è tornati all'utilizzo del telelavoro. In Irlanda pagano l'aumento dei casi i pub e i ristoranti di Dublino. 
L'Islanda per la seconda volta in una settimana, chiude bar e ristoranti di Reykjavik. In Repubblica Ceca (aumento del 65% al giorno, circa 1.300 casi nelle 24 ore) imposto l'uso di mascherine in classe per gli studenti e gli alunni dagli 11 anni in su. Nel Regno Unito per far fronte alla seconda ondata il governo continua a disporre restrizioni localizzate: per 2 milioni di cittadini nel Nord Est sono vietati gli incontri fra persone di famiglie diverse, e una sorta di coprifuoco fra le 22 e le 5 del mattino. E da martedì prossimo circa 15 milioni di britannici saranno sotto i lockdown parziali locali. Ma forse non basterà e il governo britannico non esclude la possibilità di un nuovo lockdown generale. Il Regno Unito è anche il Paese con più decessi, quasi 41.700. Cancellati i fuochi d'artificio di Capodanno a Londra.

In Spagna è Madrid l'epicentro dell'epidemia: da lunedì, 858 mila abitanti dei quartieri a sud saranno in "lockdown", cioè il 13% della popolazione della città. In Argentina prolungate le restrizioni fino all'11 ottobre, ma le misure sono meno rigide a Buenos Aires grazie alla stabilizzazione dei contagi. Frontiere esterne chiuse. In Canada occchi puntati sulla provincia dell'Ontario: vietati i raduni con più di 10 persone al chiuso e 25 all'aperto. Per ora Israele è il solo paese del mondo ad aver deciso un secondo "lockdown" completo, ancor più duro perchè coincide con una serie di festività molto sentite nelle famiglie ebraiche: il capodanno ebraico Rosh Hashana, la festa dello Yom Kippur (Giorno del Perdono) e quella di Sukkot (Festival dei Tabernacoli). 

Altri Paesi

In leggera discesa il numero di contagi giornalieri in Algeria: 219 nuovi casi nelle ultime 24 ore (ieri erano 219), che portano il bilancio totale a 49.623. I decessi sono saliti a 1.665. Al contrario sono in forte crescita in Libia, che registra 796 nuovi contagi, per un totale di  27.234. I morti salgono a 436. In Iran sono state registrate 166 nuove vittime, che portano il numero complessivo dei decessi a 24.118.I nuovi contagi sono 2845: il totale è di 419.043.Volano i casi in Slovacchia: 290 infesioni nelle ultime 24 ore, dopo i 235 casi registrati il giorno precedente. In Polonia 1.002 infezioni in un giorno, un record in un solo giorno. Il totale dei contagi nel Paese è di 78.330. Dodici i nuovi decessi, che porta a 2.282 i morti  dall'inizio della pandemia. Da metà agosto la Polonia registra una ripresa dei contagi. Nelle Filippine registrati 3.962 nuovi infetti e 100 morti nelle ultime 24 ore. Un dato in ascesa. Il totale di casi è di 283.460, con 4.930 decessi.