Il 2023 brucia i record del caldo: tutti i numeri che segnano l’emergenza del clima

Per il servizio Copernicus dell’Ue l’anno appena terminato ha sfiorato +1.5° rispetto all’epoca preindustriale fissato come target ottimale dell’accordo sul clima di Parigi del 2015

Roma, 9 gennaio 2024 – Tutto confermato. Secondo il Servizio per i Cambiamenti Climatici (C3S) di Copernicus, il programma di osservazione della Terra dell'Unione Europea, le temperature globali senza precedenti da giugno in poi hanno portato il 2023 a diventare l'anno più caldo mai registrato, sorpassando con un ampio margine il 2016, sinora l'anno più caldo precedente.

Il 2023 Global Climate Highlights, il rapporto presentato oggi e basato principalmente sul set di dati ERA5, presenta una sintesi generale del 2023 più estremi climatici rilevanti e i principali driver dietro di loro: la crescente concentrazione di gas serra e il fenomeno naturale dell’oceano pacifico denominato El Niño. 

I dati di Copernicus sul 2023
I dati di Copernicus sul 2023

"Il 2023 – osserva Samantha Burgess, Vice Direttore del Servizio Cambiamenti Climatici di Copernicus – è stato un anno eccezionale con record climatici che hanno innescato una sorta di effetto domino. Non solo è 2023 l'anno più caldo mai registrato, è anche il primo anno con tutti i giorni oltre 1°C più caldo rispetto al periodo preindustriale. Le temperature durante 2023 probabilmente superano quelle di qualsiasi periodo in almeno gli ultimi 100.000 anni".

"Gli estremi che abbiamo osservato negli ultimi mesi – sottolinea Carlo Buontempo, Direttore del Servizio Cambiamenti Climatici di Copernicus – forniscono una drammatica testimonianza di quanto siamo lontani dal clima in cui si è sviluppata la nostra civiltà. Questo ha conseguenze per l'accordo di Parigi e tutti gli sforzi umani. Se vogliamo con successo gestire il nostro portafoglio di rischio climatico, abbiamo bisogno di decarbonizzare urgentemente la nostra economia". Ed è precisamente quello che il mondo – con l’eccezione dell’Europa e di pochi altri Paesi – nelle trattative climatiche non sembra in grado di voler fare. 

Highlights Climatiche del 2023

• Il 2023 ha avuto una temperatura media globale di 14.98 C, 0.17 C superiore al precedente più alto valore annuale, quello del  nel 2016

• Il 2023 è stato 0.60 C più caldo rispetto alla media 1991-2020 e 1.48 C più caldo rispetto alla media prenidustraiale (1850-1900)

• È probabile i 12 mesi che terminano a gennaio o febbraio 2024 (febbraio 2023-febbraio-2024) superi il valore di 1.5 ºC rispetto al il livello preindustriale

• 2023 segna la prima volta record che ogni giorno ha superato 1 C sopra il

1850-1900 livello pre-industriale. E quasi  al 50% dei giorni erano più di 1.5 º C più caldi. Non solo. due giorni di novembre sono stati, per la prima volta, più caldi di ben  2 ºC più caldi.

• Ogni mese da giugno a dicembre è stato più caldo del mese corrispondente in qualsiasi anno precedente

Luglio e agosto 2023 sono stati i due mesi più caldi mai registrati. L’ estate boreale (giugno-agosto) ha fissato il record di stagione più calda 

Settembre 2023 è stato il mese con una deviazione di temperatura superiore alla media 1991-2020 più grande di qualsiasi mese nel set di dati ERA5

Dicembre 2023 è stato il dicembre più caldo mai registrato a livello mondiale, con una temperatura media di 13.51 C, ben 0.85 C sopra la media 1991-2020 e 1.78 C sopra il livello 1850-1900 per il mese di dicembre

Il 2023 è stato l'anno più caldo per quanto riguarda la temperatura globale
Il 2023 è stato l'anno più caldo per quanto riguarda la temperatura globale

Caratteristiche della temperatura europea

2023 è stato il secondo anno più caldo per l'Europa, a 1.02' C sopra la media 1991-2020, 0.17 C meno del 2020, l'anno più caldo mai registrato.

• Le temperature in Europa sono state superiori alla media per 11 mesi durante il 2023 e settembre è stato il settembre più caldo mai registrato

L'inverno europeo (dicembre 2022 - febbraio 2023) è stato il secondo inverno più caldo.

La temperatura media dell'estate europea (giugno-agosto) è stata di 19,63 ºC; a 0,83 C sopra la media, il quinto più caldo mai registrato

L'autunno europeo (settembre-novembre) ha avuto una temperatura media di 10,96 ºC, 1,43 º C sopra la media. Questo ha reso l'autunno il secondo più caldo mai registrato, solo 0,03 º C al di sotto dell'autunno 2020.

Altri eventi climatici rilevanti

• 2023 è stato fortemente negativo  per il ghiaccio marino antartico che ha raggiunto livelli negativi record per il corrispondente periodo dell'anno in 8 mesi su 12 e ha raggiunto i minimi di tutti i tempi nel febbraio 2023.

• L'estensione del ghiaccio marino artico al suo picco annuale a marzo è stata classificata tra le quattro più basse dell'epoca dell'anno nel record satellitare. Il minimo annuale nel mese di settembre è stato il sesto più basso

Le concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica e metano in atmosfera hanno continuato ad aumentare e ha raggiunto livelli record nel 2023, raggiungendo rispettivamente 419 ppm e 1902 ppb. per l’anidride carbonica le concentrazioni nel 2023 erano 2.4 ppm più alte rispetto al 2022 e le concentrazioni di metano erano aumentate di 11 ppb. • Un gran numero di eventi estremi sono stati registrati in tutto il mondo, tra cui ondate di calore, inondazioni, siccità e incendi. Le emissioni globali di carbonio degli incendi nel 2023 sono aumentate del 30 rispetto al 2022 spinto in gran parte da incendi boschivi persistenti in Canada

Per iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui