Lunedì 15 Aprile 2024

Tim centra tutte le stime 2023 Enterprise cresce più del mercato

Tim ha chiuso il 2023 con un aumento dell'ebitda del 5,7% a 6,4 miliardi e dei ricavi del 3,1% a 16,3 miliardi. Il cda si riunirà il 6 marzo per approvare il bilancio e il nuovo piano. Tim ha ridotto i costi in Italia di 1,1 miliardi nel quarto trimestre. Il debito afterlease è sopra i 20 miliardi, ma il margine di liquidità copre le scadenze fino al 2025. Tim Enterprise ha registrato una crescita superiore al mercato per il secondo anno consecutivo. La NetCo ha registrato un aumento dei ricavi del 3,7%.

Tim centra tutte le stime 2023  Enterprise cresce più del mercato

Pietro Labriola, ad di Tim

Tim chiude il 2023 con un ebitda che cresce del 5,7% a 6,4 miliardi e ricavi in crescita del 3,1% a 16,3 miliardi. "Continua il trend positivo" sottolinea una nota e l’ad Pietro Labriola può vantarsi di essere il primo dal 2010 ad aver "centrato tutte le guidance per il secondo esercizio consecutivo". Il cda si riunirà di nuovo il 6 marzo per approvare il bilancio e il nuovo piano, che verrà poi presentato al mercato in occasione del Capital Market Day il 7 marzo.

Nel quarto trimestre sono proseguite le azioni di contenimento dei costi in Italia, la riduzione nel biennio 2022-2023 è arrivata a circa 1,1 miliardi rispetto a un target di 1,5 miliardi al 2024. Tim ha investito 4 miliardi, di cui 3,1 in Italia. Il debito afterlease resta sopra i 20 miliardi ma il margine di liquidità a 9,2 miliardi copre le scadenze fino al 2025. Tim Enterprise ha preso la rincorsa (2,7 miliardi di ricavi da servizi +5%) e per il secondo anno consecutivo la crescita è superiore al mercato. La NetCo infine ha registrato ricavi totali in crescita del 3,7%.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro