Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
16 mag 2022

"Tutto è un palcoscenico" Giò Forma dribbla crisi

16 mag 2022
featured image
"Tutto è un palcoscenico" Giò Forma dribbla crisi
featured image
"Tutto è un palcoscenico" Giò Forma dribbla crisi

LA 66ª EDIZIONE dell’Eurovision Song Contest visto all’opera la settimana scorsa sul palco del Palaolimpico di Torino alcune delle più grandi aziende dello spettacolo italiano. Tra esse Giò Forma, lo studio interdisciplinare fondato da Cristiana Picco, Florian Boje e Claudio Santucci, che in 25 anni d’attività s’è fatto un nome nel campo dell’architettura e dell’entertainment design. Dal progetto dell’Albero della Vita per l’Expo 2015 ai concerti di Tiziano Ferro, al palco del Papa in occasione della visita pastorale a Monza. Segnando, in questi anni difficili, un trend in controtendenza. "Nonostante la pandemia abbia fatto precipitare nei nostri bilanci l’incidenza delle produzioni live dal 25% al 3%, il fatturato annuale di Giò Forma è passato dai 1.988.915 euro del 2019, ai 2.771.972 del 2021" spiega Santucci. "Questo grazie allo sviluppo delle varie attività di un settore in cui c’è sempre più interazione e multidisciplinarietà. Abbiamo trasferito, infatti, il nostro modo di agire e di pensare nel mondo dello spettacolo e del design in campi non proprio nostri come quello dell’architettura". Il fermo del mondo dello spettacolo, insomma, vi ha fatto guardare verso nuove direzioni. "Sì, la crisi s’è rivelata un’opportunità. Invece di metterci in una fase di attesa della ripresa, abbiamo scelto di ripensare il nostro lavoro provando a guardarlo pure da altre angolazioni. Qualche coincidenza e un po’ di fortuna ci hanno spinto verso l’architettura, con commissioni soprattutto dall’Arabia Saudita dove al momento ci sono grandissimi investimenti in questo campo". Cosa cercano i sauditi? "Sono interessati alla costruzione di edifici con un’alta capacità comunicativa. La Maraya Concert Hall di Al Ula, provincia desertica nel nord-ovest del paese a 325 chilometri da Medina, è, ad esempio, un edificio rivestito da 9.740 metri quadrati di specchi che gli consentono di mimetizzarsi col suggestivo paesaggio roccioso circostante. Abbiamo vinto la gara adattando a quella ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?