Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
28 mar 2015

"Il miliziano colpito a morte? Quella foto non la scattò Capa, ma una sua assistente"

Così assicura Ara Guler, 93 anni, uno degli ultimi mostri sacri dell'agenzia Magnum ancora in vita

28 mar 2015
featured image
A man looks at the photograph 'Death of a Loyalist Militiaman Cerro Muriano Cordoba front Spain Sept 5 1936' by US photographer Robert Capa on display for Robert Capa's exhibition set up at the Caja Vital Foundation, 16 October 2008, in Vitoria, Spain. Capa's retrospective, running from 18 October until 08 December 2008, features some 100 black/white photographs from his first published work, a photo of Leon Trotsky delivering a speech in Denmark in 1932, until his last photo which was taken before Capa stepped on a landmine as he had covered French troops deployed in Vietnam in 1954. ANSA/ DAVID AGUILAR
featured image
A man looks at the photograph 'Death of a Loyalist Militiaman Cerro Muriano Cordoba front Spain Sept 5 1936' by US photographer Robert Capa on display for Robert Capa's exhibition set up at the Caja Vital Foundation, 16 October 2008, in Vitoria, Spain. Capa's retrospective, running from 18 October until 08 December 2008, features some 100 black/white photographs from his first published work, a photo of Leon Trotsky delivering a speech in Denmark in 1932, until his last photo which was taken before Capa stepped on a landmine as he had covered French troops deployed in Vietnam in 1954. ANSA/ DAVID AGUILAR

Roma, 28 marzo 2015 -  La leggendaria foto di Robert Capa, il "Miliziano colpito a morte" ritratto durante la guerra civile spagnola, non fu opera del celebre fotografo, ma di una sua assistente, che immortalò una delle immagini più iconiche del XX secolo. 

Così almeno rivela Ara Guler, 93 anni, uno degli ultimi mostri sacri dell'agenzia Magnum ancora in vita, in un'intervista realizzata ad Istanbul da Simone Perotti, nell'ambito del Progetto Mediterranea (www.progettomediterranea.com, dove è viene ora pubblicata).

 "Capa - dice Ara Guler nell'intervista anticipata all'Ansa - era uno che non faceva abbastanza. Non era completo. Aveva sempre un mucchio di donne con lui, un viavai. La famosa foto del soldato che cade colpito alla testa, ad esempio, non l'ha fatta lui, ma una ragazza che era lì con lui. Di lui non si sa mai quali foto abbia scattato e quali gli siano state attribuite, ma non sono sue. Cartier Bresson invece faceva tutto lui, è tutta roba sua, e lui è stato un grande, certo». 
La foto del miliziano repubblicano colpito a morte, presa nel 1936, è da sempre oggetto di controversie, principalmente sulla questione se si trattasse di un'immagine costruita o di uno scatto casuale. In un libro del 2009, "Ombre della fotografia" di Josè Manuel Susperregui, l'autore scrive inoltre che l'immagine fu scattata con una Rolleiflex, non la Leika, che era normalmente usata da Capa. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?