In parole semplici il metodo Franciacorta è l’applicazione alle uve di un territorio omonimo, compreso tra il lato meridionale del lago d’Iseo e Brescia, del processo utilizzato per creare lo champagne e lo spumante. Il vino Franciacorta è uno spumante prodotto con il metodo classico utilizzando Chardonnay, Pinot Nero e Pinot Bianco (al posto di quest’ultimo, per lo champagne, viene usato Pinot Meunier). Negli anni il disciplinare del Franciacorta (modificato otto volte dal 1967 in poi), nato come vino nel 1961, è diventato sempre più stringente: specifica in quale territorio i vini prodotti possono avvalersi del marchio, fino a quale altezza possono essere piantate le viti (550 metri), quanto si può sfruttare il terreno (la densità dei ceppi ammessa per la coltivazione). Il territorio del Franciacorta ospita più di un centinaio di cantine in poco più di 275 chilometri quadrati, che si possono visitare, per fare degustazioni e tour sulla storia del vino e del territorio.