Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
9 mag 2022

Un giallo la morte della prof finita sotto il treno

Caserta, il marito della 55enne Raffaella Maietta non crede al suicidio. "Non ha mai dato segni di squilibrio, si indaghi a 360 gradi"

9 mag 2022
L’insegnante Raffaella Maietta, 55 anni, è stata travolta e uccisa da un treno lo scorso 5 maggio
L’insegnante Raffaella Maietta, 55 anni, è stata travolta e uccisa da un treno lo scorso 5 maggio
L’insegnante Raffaella Maietta, 55 anni, è stata travolta e uccisa da un treno lo scorso 5 maggio
L’insegnante Raffaella Maietta, 55 anni, è stata travolta e uccisa da un treno lo scorso 5 maggio
L’insegnante Raffaella Maietta, 55 anni, è stata travolta e uccisa da un treno lo scorso 5 maggio
L’insegnante Raffaella Maietta, 55 anni, è stata travolta e uccisa da un treno lo scorso 5 maggio

Non credono al gesto estremo e non si rassegnano di fronte alla prima ipotesi emersa i familiari della insegnante 55enne Raffaella Maietta, investita e uccisa giovedì 5 maggio da un treno della linea regionale alla stazione di Marcianise (Caserta). Proprio per vederci chiaro il marito e i due figli della donna hanno dato mandato agli avvocati Raffaele e Gaetano Crisileo affinché presentino entro breve un esposto alla Procura di Santa Maria Capua Vetere. In seguito alle prime indagini della Polizia Ferroviaria, sembra che la 55enne si sia suicidata, tanto che lo stesso sostituto della Procura Gerardina Cozzolino, che ha aperto un fascicolo, ha dato subito il nulla osta per i funerali – svoltisi il giorno dopo – ritenendo non necessaria l’autopsia. Ma il marito Luigi, operaio in una ditta edile della zona, e i due figli della docente, Tommaso e Katia di 30 e 28 anni, entrambi insegnanti nel nord Italia, l’uno a Lodi e la seconda a Firenze, sostengono che la 55enne non aveva alcun motivo per porre in essere un’azione del genere, chiedono che le indagini proseguano ancora e che siano effettuate a 360 gradi, senza che venga tralasciato alcun minimo dettaglio della vicenda. Di qui la richiesta del sequestro della salma. "Mia moglie – dice tra le lacrime il marito Luigi – non ha mai dato nella sua vita segni di squilibrio, era un soggetto ansioso, certamente, ma questo non significa che non amava la vita, la nostra famiglia, i nostri figli. La nostra è stata una vita di sacrifici che abbiamo condiviso da giovani e insieme, sempre in armonia nel pieno rispetto dell’uno verso l’altro e viceversa. Sono avvilito. Nel passato Raffaella non ha mai minacciato il suicidio, non ha mai tentato né ha parlato di atti di autolesionismo. È un mistero quello che è accaduto. Io ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?