La Francia apre un’inchiesta per "occultamento di crimini contro l’umanità" nei confronti di quattro giganti dell’abbigliamento accusati di sfruttare il lavoro degli uiguri, la minoranza musulmana che vive nel nordovest della Cina. Uniqlo France, ma anche la spagnola Inditex (proprietaria dei marchi Zara, Bershka, Massimo Dutti), SMCP (tra cui Sandro, Maje, de Fursac) e il produttore di scarpe sportive Skechers sono tra i marchi oggetto dell’indagine aperta a fine giugno dopo la denuncia dall’associazione anticorruzione Sherpa,

insieme al collettivo Ethique sur l’etiquette, l’Istituto Uiguro d’Europa. Le associazioni accusarono i marchi di commercializzare prodotti fabbricati dalla minoranza musulmana sottoposta

a lavoro forzato.