di Giampaolo Pioli Alla Casa Bianca saranno gli ultimi 50 giorni di sorprese e di spine. Con una sola certezza. Il 20 gennaio Joe e Jill Biden entreranno per restarci almeno 4 anni e Donald e Melania Trump chiuderanno la porta uscendo. Fino a quell’ora però Trump avrà pieni poteri e li eserciterà danneggiando i nemici e perdonando gli amici. Come presidente degli Stati Uniti, la sua capacità di commutare sentenze e concedere la grazia è quasi illimitata. Può agire addirittura in forma preventiva. Per non perdere...

di Giampaolo Pioli

Alla Casa Bianca saranno gli ultimi 50 giorni di sorprese e di spine. Con una sola certezza. Il 20 gennaio Joe e Jill Biden entreranno per restarci almeno 4 anni e Donald e Melania Trump chiuderanno la porta uscendo. Fino a quell’ora però Trump avrà pieni poteri e li eserciterà danneggiando i nemici e perdonando gli amici. Come presidente degli Stati Uniti, la sua capacità di commutare sentenze e concedere la grazia è quasi illimitata. Può agire addirittura in forma preventiva. Per non perdere tempo Trump ha già chiesto informazioni per ’immunizzare’ tutti i suoi 3 figli più grandi, il genero Jared Kushner, il suo mastino personale Rudolph Giuliani e alla fine anche se stesso, sebbene al momento nessuno è ancora accusato di nulla.

"Sono stati quattro anni meravigliosi – ha detto il presidente – Stiamo tentando di farne altri quattro... altrimenti ci rivedremo tra 4 anni...".

Buttata lì sembra la prima ammissione della sconfitta e l’annuncio che però si ricandiderà nel 2024. In realtà Donald Trump sta già pensando di rimettere in ordine i conti di famiglia e da abile e cinico negoziatore cerca di sfruttare la sua inevitabile uscita di scena nel tentativo di monetizzarla al meglio. Lo può fare da un lato in piena legalità rilanciando il brand del suo nome alla ricerca di mastodontici finanziamenti per i suoi progetti immobiliari in Russia, Cina, Brasile Colombia e Turchia, ma anche come sospetta l’FBI, valutando la possibilità di fare cassa con la concessione a pagamento "di perdoni miliardari" che non solo l’etica ma la legge invece proibisce. Graziare l’intera famiglia per crimini dei quali potrebbero venir accusati in un breve futuro, così come il perdono al suo legale Giuliani, trovano precedenti nei comportamenti di altri presidenti americani. Gerald Ford perdonò Nixon proteggendolo dalle accuse del Watergate e Jimmy Carter perdonò tutti coloro che illegalmente non si erano arruolati per la guerra in Vietnam.

Per Ivanka, Eric e Donald Trump jr la garanzia di rimanere a piede libero una volta fuori dalla Casa Bianca è una vera assicurazione sulla vita. L’ombrello di protezione si applica solo ai reati federali ma non per quelli statali o territoriali.

L’incubo delle tasse e quello della frode per aver alterato le stime sulle proprietà allo scopo di ottenere un maggior prestito dalle banche o una più forte riduzione sul fisco sono le preoccupazioni maggiori della dinastia dei Trump. Questi grossi fascicoli nella procura di New York sono già sul tavolo in attesa che arrivi il 20 gennaio per poter essere aperti una volta caduta l’immunità presidenziale.