Riccardo

Jannello

La nuova moda lanciata dall’estetista inglese, Joanna Kenny farà molto discutere, anche se in fondo è antica per popolazioni rurali e culture lontane dalle nostre: si è fatta crescere i baffi e li ha modellati con il mascara per farli diventare più scuri al confronto col suo viso sbarazzino. "Né io né qualsiasi altra ragazza sarà brutta coi baffi – ha scritto –; e amo mio marito perché ha accettato la mia scelta". Per inciso, Joanna propugna anche le ascelle pelose. A parte il vecchio proverbio "donna baffuta sempre piaciuta", la scelta di Joanna fa riflettere su un mondo che nella moda e nel make up sembra rovesciarsi. Sempre più modelli sfilano in gonna e ormai gli uomini che si fanno la ceretta sono un numero elevato, tanto che era stato coniato un termine, metrosexual, per descrivere chi cercasse di assumere atteggiamenti "neutri" con la cura del proprio corpo: pelle troppo liscia e trucco hanno finito per etichettare questi uomini non solo metrosexual ma perfino omosexual, scatenando una reazione basata sul concetto che viviamo tempi diversi e omologarsi non è reato. Ognuno, uomo e donna, può conciarsi come vuole e nessuno ha il diritto di contestare la sfera sessuale. Ma un interrogativo ai signori maschietti si pone: se un sex symbol come Monica Bellucci, avesse avuto i baffi, l’avreste guardata con la stessa bramosia? Il mondo alla rovescia rovescia anche i pensieri.