di Loredana Del Ninno Nuova crescita dei contagi in Italia. I positivi accertati ieri sono 523, contro i 481 del giorno precedente. La regione con il maggior numero di casi è il Veneto (84), seguito da Lombardia (74), Liguria (63). Soltanto in Valle d’Aosta non si registrano nuovi infetti. In calo i deceduti, 6 contro i 10 di mercoledì. Aumenta anche il numero dei ricoverati in terapia intensiva e dei pazienti negli altri reparti ospedalieri: 55 presenze in intensiva contro le 53 di mercoledì, 786 i ricoveri con sintomi, 7 in più di due giorni fa....

di Loredana Del Ninno

Nuova crescita dei contagi in Italia. I positivi accertati ieri sono 523, contro i 481 del giorno precedente. La regione con il maggior numero di casi è il Veneto (84), seguito da Lombardia (74), Liguria (63). Soltanto in Valle d’Aosta non si registrano nuovi infetti. In calo i deceduti, 6 contro i 10 di mercoledì. Aumenta anche il numero dei ricoverati in terapia intensiva e dei pazienti negli altri reparti ospedalieri: 55 presenze in intensiva contro le 53 di mercoledì, 786 i ricoveri con sintomi, 7 in più di due giorni fa. L’allerta resta alta sui ritorni dalla vacanze: in Toscana sui 28 positivi di ieri il 50% è relativo a rientri dall’estero, con età media di 35 anni. Nelle Marche – informa il Gores (Gruppo operativo emergenze sanitarie) – si contano 11 nuovi infetti: (5 a Pesaro, 4 nella provincia di Ascoli, 1 in quella di Ancona e nel Maceratese)

Si è interrotta la serie positiva che per cinque giorni consecutivi aveva azzerato le vittime da Coronavirus in Lombardia. Stando al report, sono due le persone che hanno perso la vita a causa del Covid-19. Sono invece 74 i nuovi positivi censiti nelle ultime 24 ore, a fronte di 7.174 tamponi effettuati: dei nuovi infetti 14 sono debolmente positivi e 4 rilevati a seguito di test sierologico. Drastica impennata dei casi in Liguria, dove tredici tra i nuovi infetti sono legati a rientri da Malta, Grecia e Inghilterra. Dal bollettinodell’Istituto superiore di sanità e del Ministero della Salute emerge che l’indice Rt è uguale o superiore a 1 in 9 regioni, mentre sono 225 i nuovi focolai. Sono nove, dunque, le regioni con Rt maggiore di uno, tre in meno rispetto alla settimana scorsa quando se ne contavano 12, con la Sicilia che con 1.40 ha quello più alto a livello nazionale. L’aumento dei casi riguarda comunque e soprattutto persone asintomatiche.

Diciassette i nuovi casi di Covid-19 in Sardegna: quattro nella città Metropolitana di Cagliari, dodici nel Sud dell’Isola, uno nella provincia di Nuoro. In totale in Sardegna sono stati eseguiti 116.177 tamponi.

Allarme in Calabria. I nuovi positivi sono 21. Ma 9 sono stati rilevati nel Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria (contagiati anche sanitari) e la direzione del Gom ha invitato la popolazione a servirsi del Pronto soccorso sono in caso di effettiva necessità.

E in Veneto il presidente della Regione, Luca Zaia, ha firmato e diffuso ieri una nuova ordinanza incentrata sul contenimento della minaccia rappresentata dai numerosi casi di positività legati alle vacanze estive e ai rientri dall’estero. Oltre al tampone obbligatorio per chi rientra dall’estero in Veneto, il documento prevede: "Controllo obbligatorio per soggetti a rischio particolare". Previste sanzioni (1000 euro), per chi non chiede il tampone.