13 feb 2022

Salari al palo, lite tra industriali e sindacati

L’incubo di una spirale di incrementi tra inflazione e buste paga. Cgil, Cisl e Uil: "Nei rinnovi bisogna tenere conto del caro bollette"

raffaele
Cronaca
Carlo Bonomi, 55 anni, presidente Confindustria col leader Cgil, Maurizio Landini (60)
Carlo Bonomi, 55 anni, presidente Confindustria col leader Cgil, Maurizio Landini (60)
Carlo Bonomi, 55 anni, presidente Confindustria col leader Cgil, Maurizio Landini (60)

di Raffaele Marmo Il caro-prezzi non solo ha mandato al macero il cosiddetto "Patto della fabbrica" siglato qualche anno fa (un’altra era geologica) tra industriali e sindacati, ma rischia di innescare un vero scontro tra Confindustria e Cgil, Cisl e Uil per la caduta drastica del potere d’acquisto delle retribuzioni, con lo spettro della spirale prezzi-salari all’orizzonte. Un incubo che ha minato l’economia italiana tra gli anni Settanta e la metà degli Ottanta e che oggi, in piena ripresa, viene evocato come un pericolo da scongiurare dal governatore di Bankitalia, Ignazio Visco. E il perché dell’avviso ai naviganti del numero uno di Palazzo Koch è presto detto: "Va evitata la futile rincorsa tra salari e prezzi già vista nella crisi petrolifera degli anni ‘70. Allora e ora è impossibile non patire la tassa dell’aumento dei prezzi dell’energia, essendo un onere esterno. Il rischio è che una rincorsa salari-prezzi porti a un marcato e persistente aumento dell’inflazione". Il punto è che, finita dal ’78, per merito di uno dei leader storici della confederazione di Corso d’Italia, Luciano Lama, la tesi del salario "variabile indipendente", e chiusa anche la stagione della scala mobile con il referendum dell’84 di Bettino Craxi e Gianni De Michelis, nessuno si aspettava che poco meno di quarant’anni dopo potesse riesplodere il nodo della salvaguardia del valore reale degli stipendi. E, invece, il caro energia e materie prime ha fatto impennare i prezzi di tutta la filiera della produzione e dei servizi, con un impatto devastante non solo sui costi delle imprese, ma anche sulle bollette e sul carrello della spesa delle famiglie. Da qui una trappola dalla quale appare complesso venire fuori. Ma che sta già provocando quel conflitto tra sindacati e associazioni imprenditoriali che i più avveduti osservatori segnalano da tempo. L’inflazione, però, non fa sconti e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?