Ventquattro ore prima di essere uccisa nel piazzale della ditta dove lavorava a Noventa Vicentina, Rita Amenze era stata in caserma dei carabinieri per segnalare che da una settimana il marito Pierangelo Pellizzari, 61 anni, l’aveva cacciata di casa. Una lite avvenuta il 3 settembre, durante la quale la donna era stata spinta fuori dall’abitazione a Villaga (Vicenza). La donna non aveva fatto denuncia. Oggi l’interrogatorio di garanzia di Pellizzari, accusato di omicidio aggravato dalla premeditazione e dal vincolo di parentela, rapina e minacce.