Le macerie dell'hotel Rigopiano (Ansa)
Le macerie dell'hotel Rigopiano (Ansa)

Pescara, 9 gennaio 2019 - Multato per aver portato i fiori sulla tomba del figlio. Alessio Feniello, padre di Stefano, una delle 29 vittime della tragedia dell'Hotel Rigopiano, è stato condannato dal gip del tribunale di Pescara a pagare una sanzione di 4.550 euro per aver violato, il 21 maggio scorso, i sigilli giudiziari apposti per delimitare l'area nella quale si verificò la tragedia.

La sentenza di condanna emessa dal giudice Elio Bongrazio, su richiesta del pm Salvatore Campochiaro, trae origine dal fatto che Feniello si sarebbe introdotto "abusivamente", nonostante "le ripetute diffide ed inviti ad uscirne rivoltigli dalle forze dell'ordine addette alla vigilanza del sito". L'uomo, in un post pubblicato su Facebook, contesta la decisione del tribunale pescarese, affermando di essersi "recato a Rigopiano per portare dei fiori dove hanno ucciso mio figlio".

E' lo stesso Feniello a condividere sui social le foto dei provvedimenti con cui, da una parte, il pm chiede l'emissione del decreto penale di condanna in quanto l'indagato si sarebbe introdotto "abusivamente" nonostante "le ripetute diffide ed inviti ad uscirne rivoltigli dalle forze dell'ordine addetti alla vigilanza del sito"; dall'altra, il gip applica la pena della multa, "ritenuto che dall'esame degli atti risulta provata la responsabilità". Feniello, nel lungo post sul social pubblicato ieri sera alle 22.45, poche ore dopo aver ricevuto la notifica della sentenza, ha fatto sapere che non pagherà e che se necessario si farà "tre mesi di carcere".

Il dramma di Alessio Feniello in quei terribili giorni di gennaio 2017 fu duplice. In un primo momento infatti il figlio Stefano era nella lista dei vivi, infondendo speranza ai familiari. Dopo 24 ore la tragica notizia: "Ci siamo sbagliati". E il corpo del giovane salernitano venne riconosciuto tra le vittime.