Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
2 lug 2022

Quelli che dicono sì: "Il gas è simbolo di lavoro e speranza, Ravenna è pronta"

La città romagnola vuole diventare hub energetico nazionale, il sindaco de Pascale ha scritto al premier Draghi e ai ministri: "Abbiamo pronti quattro progetti e chiediamo di portarli avanti"

2 lug 2022
lorenzo tazzari
Cronaca
featured image
"Il gas è simbolo di lavoro e speranza, Ravenna è pronta"
featured image
"Il gas è simbolo di lavoro e speranza, Ravenna è pronta"

Col sole a picco e il cielo terso, il ‘ragno’ appare in lontananza sul mare, ben saldo al fondale. Ha un colore arancione, come quello delle piattaforme che producono gas. I ravennati lo chiamano così perché ha un corpo centrale e tubazioni a destra e sinistra che potrebbero essere le zampe di un animaletto peloso. Invece, è un terminale che può trasferire gas dal mare aperto a terra, attraverso un reticolo di condotte sottomarine. È qui che potrebbe venire posizionata una delle due navi rigassificatrici che il governo intende mettere in produzione. Qui vive l’Italia del sì. L’Italia che vuole muoversi, agire. Produrre. Lo ha detto a Qn il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini: "E lo vogliamo fare nell’interesse del Paese, non della regione". I cittadini ravennati sono già scesi in piazza per questo, anni fa. E ora il rigassificatore è un simbolo di lavoro, speranza. Ripartenza. Soltanto Ravenna ha infatti un terminale a mare che richiede poca manutenzione per entrare in produzione e contrastare i guai della crisi energetica. Il ‘ragno’ è di proprietà del Gruppo Pir, società che con Edison ha inaugurato un anno fa, nel porto di Ravenna, il primo deposito costiero italiano di Gas naturale liquefatto (Gnl) per alimentare navi e traghetti di ultima generazione. Il gas, insomma, liquefatto o naturale, qui è di casa e lo è da settant’anni, da quando Enrico Mattei con l’Agip, oggi Eni, decise di puntare sui ricchi giacimenti metaniferi dell’Adriatico. Con un rapido sguardo si notano la grande base da dove Eni dirige il settore centro-nord Adriatico, un intreccio di tubi e manufatti di colore giallo, ovvero la nuova piattaforma per il Mare del Nord che sta costruendo la Rosetti Marino, quindi la Righini, oggi molto impegnata negli impianti per l’eolico estero. Dal porto, il Gruppo Sapir è specializzato nel far ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?