Gli esperti sanitari israeliani hanno espresso cauto ottimismo, dopo che il ministero della Salute ha registrato domenica il tasso di contagi più basso nel Paese da oltre due settimane: non solo in cifra assoluta (l’aumento dei casi era legato anche a un numero molto alto di tamponi effettuati in vista dell’apertura delle scuole), ma anche in percentuale rispetto al numero di test effettuati. Gli esperti temono tuttavia che il calo, legato al successo del terzo richiamo vaccinale,

possa essere vanificato dalle feste ebraiche.